Politica / Politica

Commenta Stampa

Incontrerà la stampa tra poco al Residence Ripetta a Roma

Renata Polverini pronta alle dimissioni

L'Udc in bilico se far cadere o meno la governatrice

Renata Polverini pronta alle dimissioni
24/09/2012, 19:44

ROMA - E' ancora tutto in bilico nella Regione Lazio. La governatrice Renata Polverini sarebbe pronta a dimettersi, ma non ha ancora sciolto le riserve sulla sua permanenza alla guida della Regione Lazio. L'annuncio ufficiale potrebbe arrivare questa sera nella conferenza stampa prevista al Residence Ripetta a Roma. E' durato, invece, circa 40 minuti alla Camera dei deputati l'incontro tra Renata Polverini e il segretario del Pdl Angelino Alfano. Dopo altri 20 minuti Alfano ha lasciato Montecitorio, dopo aver parlato con il vicepresidente della Camera Maurizio Lupi. Adesso la governatrice aspetta la decisione dell'Udc che domani riunirà i vertici nazionali e nel pomeriggio quelli locali. L'Udc, infatti, ha annunciato l'intenzione di ritirare la fiducia dei suoi consiglieri, facendo così cadere l'intero consiglio regionale. Non è convinto di questo passo il vicepresidente della Regione Lazio Luciano Ciocchetti, leader regionale dell'Udc: "Far cadere la giunta Polverini oggi produrrebbe soltanto un effetto, quello di lasciare intatte le modalità di finanziamento che tutti vogliamo combattere e molti privilegi acquisiti. Chi parla ora di dimissioni, non vuole la modifica dei vitalizi con il metodo contributivo, non vuole un consiglio regionale composto da 50 consiglieri al posto di 70 attuali, non vuole 10 assessori al posto di 16 e non vuole l'accorpamento delle Asl. Come ha ammesso la stessa Bonino, le dimissioni in blocco dei consiglieri rimanderebbero a tempi imprecisati questi tagli col rischio che cadano nel dimenticatoio".
Renata Polverini sembra dipendere dalle scelte dell'Udc, che potrebbe decretare la fine della sua giunta oppure offrire alla governatrice una via d'uscita onorevole. Qualche esponente dell'Udc si chiede perché dover rimettere in discussione una legislatura per colpa di altri. In casa Pd stanno facendo i conti per arrivare allo scioglimento del consiglio. "Abbiamo ottenuto quello che volevamo e cioè la convocazione del consiglio regionale alle 11:30 con all'ordine del giorno la mozione di sfiducia a Renata Polverini - ha spiegato il vicecapogruppo del Pd alla Regione Lazio, Claudio Moscardelli -. Stiamo ancora raccogliendo le firme e puntiamo ad arrivare a 36". Il numero dei consiglieri necessario per far cadere la Polverini. Intanto, ieri i 14 consiglieri del Pd hanno firmato le loro dimissioni, scelta voluta anche dai cinque dell'Idv e dai due di Sel, da Federazione della Sinistra e Lista civica dei cittadini, mentre l'unico Verde, Angelo Bonelli ha confermato la disponibilità a lasciare, così come i radicali hanno dichiarato che vedranno in seguito. Invece, i capipgruppo della maggioranza di centrodestra hanno firmato un documento di sostegno alla Polverini. Adesso sembra proprio l'Udc l'ago della bilancia, che potrebbe far crollare il castello.

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©