Politica / Politica

Commenta Stampa

E poi: "Faremo la legge elettorale con chi ci sta"

Renzi a Grillo: "Vuoi risparmiare 40 milioni e non un miliardo?"


Renzi a Grillo: 'Vuoi risparmiare 40 milioni e non un miliardo?'
17/12/2013, 18:04

Continua l'appuntamento settimanale, iniziato durante le primarie del Pd, di Matteo Renzi con i suoi follower di Twitter, all'hashtag #matteorisponde. 
E anche oggi gli argomenti affrontati sono i più diversi. Si è parlato della legge elettorale, argomento su cui Renzi ha esortato ad andare avanti, per scrivere una "legge maggioritaria che garantisca alternanza e che dia governabilità", promettendo che alla Camera un testo verrà licenziato dalla Commissione Affari Costituzionali entro la fine di gennaio. 
E anche sulle riforme costituzionali è stato chiaro: il Parlamento non è delegittimato, "chi lo sostiene vuole solo una scusa per non fare nulla. Il parlamento ha tutti i titoli per intervenire. Chi dice il contrario punta all'immobilismo. Dobbiamo cambiare". 
Non manca la frecciata per Grillo: "Questi partiti prendono sempre meno soldi con il passare del tempo. Dico a Grillo, è giusto partire dai 40 milioni del Pd, ma c'è la possibilità di far risparmiare allo stato un miliardo di euro. Bisogna però che i senatori del Movimento Cinque Stelle firmino con noi per azzerare l'indennità. Perché i Cinque Stelle parlano dei 40 milioni di euro e non parla del miliardo. Significa che non hai intenzione di tagliare i costi della politica, ma che vuoi solo fare polemica con il Pd. Mi viene il dubbio che i Cinque Stelle non vogliano cambiare, ma solo protestare". 
Il segretario del Pd ha anche parlato dei diritti dei gay: "I diritti e i doveri sono di tutti. In campagna elettorale ho parlato di civil partnership alla tedesca e saremo conseguenti". 
Assicura che non farà nulla per far cadere il governo Letta, "non sarebbe responsabile", ma contesta al governo la decisione della webtax: "Chiediamo al governo Letta, al presidente del Consiglio di eliminare ogni riferimento alla web tax e porre il tema dopo una riflessione sistematica nel semestre europeo. Affrontare il tema a livello italiano è più dannoso che utile".
Una serie di risposte sobrie ma taglienti, come nello stile del personaggio.  

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©