Politica / Politica

Commenta Stampa

“Il governo non può vivacchiare”

Renzi attacca Letta: “ Riforme subito”


Renzi attacca Letta: “ Riforme subito”
30/05/2013, 21:08

Il governo dia un “segnale immediato”, facendo subito le riforme. È quanto chiede l’ex rottamatore nonché sindaco di Firenze, Matteo Renzi, lanciando una sfida al premier Enrico Letta.
"Un Governo e' serio se fa le cose e non vivacchia. Se vogliamo dare un segnale agli italiani, dobbiamo fare questa riforma costituzionale che richiede tempo. Se elimini il Senato e le province, dai un segnale immediato", dichiarato il democratico Renzi che, rispondendo ai giornalisti che lo incalzavano sui sospetti di voler far cadere il governo ha detto: "Siamo alle barzellette".
Intanto, il premier oggi si è recato in Emilia Romagna, annunciando che terrà lui la delega per la Protezione Civile.
"Dobbiamo far lavorare l'Emilia, dobbiamo far lavorare l'Italia" ha dichiarato il Presidente del Consiglio. Domani all'ordine del giorno del Consiglio dei Ministri ci sono un decreto legge in materia di prestazione energetica nell'edilizia e un disegno di legge per l'abolizione del finanziamento pubblico e la regolamentazione della contribuzione volontaria ai partiti. Nel frattempo, l’attenzione del governo è concentrata anche sulla questione Ilva  e – a Palazzo Chigi - Sull'Ilva è in corso un tavolo tra Governo, sindacati e Confindustria. Il ministro per lo Sviluppo economico, Flavio Zanonato, ipotizza un commissario unico o un commissario ad acta che si occuperà solo del risanamento ambientale. Lorenzo Cesa, segretario dell'Udc, sostiene Letta: "Questo Governo rappresenta l'unica possibilità per il Paese. Non si può sostenerlo a parole e poi picconarlo nei fatti con proposte strampalate che mirano a rompere anziché a unire. Accade troppo spesso tra le fila del Pd e del Pdl".

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©