Politica / Politica

Commenta Stampa

"Un errore lo 'scilipotismo' con i grillini"

Renzi: "Bersani? Non sono ottimista ma spero che ce la faccia"

Se ci sarà un nuovo voto le primarie dovranno essere"aperte"

Renzi: 'Bersani? Non sono ottimista ma spero che ce la faccia'
10/03/2013, 10:09

"Tutto il PD ha detto: vai avanti Bersani con gli otto punti. Io non sono molto ottimista, ma spero che ce la faccia". Sono queste le parole che Matteo Renzi, intervistato da Fabio Fazio, ha pronunciato durante la registrazione della puntata di "Che tempo che fa".

A detta del sindaco di Firenze, "se Bersani agli otto punti aggiungesse l'abolizione del finanziamento pubblico ai partiti non farebbe alcun atto di demagogia, ma di serietà", cosa che permetterebbe di ristabilire una certa sintonia con il Paese. Secondo Renzi è importante creare un governo che lanci un messaggio ben preciso agli italiani, un governo intenzionato a cambiare rotta. E se Bersani fallirà bisognerà giocoforza tornare a votare. In tal caso sarà necessario ripetere le primarie, che, però, - spiega Renzi - dovranno svolgersi secondo un nuovo regolamento: dovranno essere "aperte".

Quando Fabio Fazio, nel corso della registrazione di "Che tempo che fa" gli ha chiesto se il risultato delle elezioni sarebbe stato diverso se alla guida del centrosinistra ci fosse stato proprio lui, Matteo Renzi ha risposto che non si può vivere di rimpianti nè, tantomeno, dire se le cose sarebbero andate diversamente. "Come PD, certo, avremmo potuto dire cose con più forza che avrebbero sgonfiato sia PDL che Movimeto 5 stelle. Se ci fosse stato Renzi? Ormai è una barzelletta".

Ad ogni modo, ciò su cui il sindaco di Firenze ha insisitito particolarmente è il rapporto tra il centrosinistra e M5S. "Sarebbe un errore considerare quello di Grillo un partito come tutti gli altri e sarebbe altrettanto sbagliato acquisire consenso con uno scambio di poltrone alla vecchia maniera, l'inciucione. Agli italiani non dobbiamo dire 'diamo una commissione a Grillo', ma dobbiamo dire 'cerchiamo di cambiare rotta noi'". Renzi si è mostrato chiaramente contrario all'eventuale tentazione del centrosinistra di fare "scilipotismo" con i grillini. "Ha vinto Bersani - ha quindi continuato il sindaco di Firenze - , ha avuto il diritto di provarci, il mio atteggiamento è stato di assoluta lealtà in un paese affetto da scilipotismo, che è il cambiare casacca. Non vorrei che lo scilipotismo diventasse la caccia al grillino, 'adotta un grillino che ti passa', perchè lo abbiamo contestato quando lo facevano altri".

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©