Politica / Politica

Commenta Stampa

Costerebbe allo Stato decine di miliardi di euro

Renzi presenta la bozza del suo "Jobs Act"



Renzi presenta la bozza del suo 'Jobs Act'
09/01/2014, 09:11

FIRENZE - Dopo tanti annunci, Renzi presenta le linee guida del suo "Jobs Act", cioè quella che viene annunciata come una rivoluzione nel mondo del lavoro. Un esempio di come si possa cambiare tanto, senza migliorare minimamente la situazione. 
Le norme riguardano per lo più le imprese: riduzione dell'Irap del 10% per le imprese che assumono, riduzione del costo dell'energia del 10%, cancellazione dell'obbligo di iscrizione alla Camera di Commercio, diminuzione degli obblighi burocratici, e una legge per regolare la presenza del sindacato nei Cda aziendali. 
Per i lavoratori solo botte, a cominciare dalla cancellazione di fatto dei diritti dello Statuto dei Lavoratori, sostituiti da un "contratto unico con tutele crescenti". Semplice escamotage per eliminarle completamente: all'imprenditore basta licenziare e riassumere il lavoratore ogni 12 mesi per tenerlo sempre sotto minaccia. Inoltre verranno cancellate le attuali misure di sostegno alla disoccupazione (cassa integrazione, assegno di disoccupazione, ecc.), sostituite da un assegno universale subordinato alla frequentazione di un corso di formazione professionale e al divieto di rifiutare una eventuale proposta di lavoro. Inoltre si propone una agenzia unica che faccia da coordinamento di tutti i centri dell'impiego presenti in Italia. 
Di questa bozza ne discuteranno Renzi e il Presidente del Consiglio Enrico Letta nell'incontro già previsto per venerdì mattina 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©