Politica / Politica

Commenta Stampa

Ma i cardini della discussione non cambiano

Renzi sfida i segretari di partito sulla legge elettorale


Renzi sfida i segretari di partito sulla legge elettorale
02/01/2014, 11:01

ROMA - Renzi si fa avanti ancora una volta come protagoinista della vita politica italiana, con una lettera che verrà inviata oggi a tutti i segretari di partito. 
All'interno però nessuna novità: viene rilanciata la proposta di trasformare il Senato in una Camera delle Autonomie, da effettuare rapidamente (anche se il disegno di legge costituzionale è arenato in Parlamento); inoltre vengono lanciate tre proposte per una nuova legge elettorale: il ritorno al Mattarellum, il modello ispanico (un proporzionale con collegi molto piccoli e liste formate da 4-5 nomi al massimo) oppure una legge a doppio turno, sull'esempio della legge che viene utilizzata per l'elezione dei sindaci nei comuni con popolazione oltre i 15 mila abitanti. 
Tre alternative, che però non riscuotono il consenso della maggioranza del Parlamento. Infatti M5S e FI non vogliono il doppio turno; Berlusconi sarebbe possibilista sul modello ispanico o sul Mattarellum, come Grillo. Ma il Mattarellum non piace a molti del centrosinistra, dato che non garantisce la governabilità; e in questa Italia, dove la gente divide i propri voti abbastanza equamente tra Pd, Forza Italia e Movimento 5 Stelle, si rischia di avere ancora una volta una serie di stalli.  

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©