Politica / Politica

Commenta Stampa

Quasi 3 milioni di italiani al voto

Renzi trionfa con il 68%: "Cambiamo rotta e legge elettorale"


Renzi trionfa con il 68%: 'Cambiamo rotta e legge elettorale'
09/12/2013, 09:21

Matteo Renzi non ha vinto, ha stravinto. La percentuale con cui il sindaco di Firenze si è aggiudicato le primarie del Partito Democratico non lascia dubbi sulle preferenze degli italiani: probabilmente neanche lo stesso Renzi si aspettava di sfiorare il 70% (per la precisione il 68%) dei voti dei 3 milioni di italiani che si sono mobilitati per scegliere il candidato premier del PD.

Poi è il momento di ascoltare le parole del neo segretario che esordisce così: "E' molto difficile e molto bello prendere la parola qui stasera. Grazie". Passa poco tempo e già si parte all’attacco di Grillo e del Vaffa-day di domenica scorsa. "Quarantamila persone si sono raccolte per dire 'vaffa'; oggi oltre due milioni di persone sono andate a votare per la proposta. Due milioni di persone che hanno fatto uno sforzo, per fidarsi di nuovo. Perché certo, la politica non ha dato buona prova di sé. Un modo per dire che per il cambiamento non c'è più tempo. Da oggi non c'è più alibi per nessuno. Chi ha votato oggi ci ha dato l'idea che si possa ancora credere nella cosa pubblica, che il coinvolgimento può ancora cambiare le cose".

Matteo Renzi ha le idee chiare, si deve cambiare rotta e i primi interventi saranno sulla legge elettorale maggioritaria, sul taglio ai costi della politica, sull’abolizione del Senato.

Si apre, probabilmente, una nuova era per il Pd e Renzi lo sottolinea: "Questa non è la fine della sinistra, noi stiamo solo cambiando il gruppo dirigente della sinistra. Noi non andiamo dall'altra parte del campo, noi stiamo solo cambiando giocatori" E ancora, continua il sindaco di Firenze: "Da oggi è sciolta, ammesso che sia mai esistita, la corrente dei renziani. Noi non vogliamo sostituire un gruppo di potere con un altro, noi abbiamo preso tutti questi voti per scardinare il sistema".

Commenta Stampa
di Elisa Manacorda
Riproduzione riservata ©