Politica / Regione

Commenta Stampa

Riduzione rifiuti, 45 progetti finanziati in provincia di Salerno con risorse della Regione


Riduzione rifiuti, 45 progetti finanziati in provincia di Salerno con risorse della Regione
26/09/2012, 16:13

“Grazie alle risorse stanziate dalla Regione Campania in materia di prevenzione e riduzione dei rifiuti, complementari alle attività di incentivazione della raccolta differenziata, sono già stati ammessi a finanziamento da parte della Provincia di Salerno 45 progetti.”

 

Così l'assessore all'Ambiente della Regione Campania Giovanni Romano.

 

“Si tratta  - ha detto Romano - di interventi relativi, prevalentemente, all’ incentivazione delle pratiche di compostaggio domestico, all’installazione di chioschi per la distribuzione di acqua sanificata e alla raccolta di oli esausti. Accanto a questi, ce ne sono altri 59 che pure la Provincia ha ritenuto idonei (ma che non sono rientrati nel finanziamento disponibile) e che dunque testimoniano il grande interesse del territorio ad implementare buone pratiche per migliorare la raccolta differenziata.

 

“La Provincia di Salerno, alla quale la Regione ha assegnato un importo complessivo di circa 1 milione e 600mila euro, si è mossa subito predisponendo l'avviso pubblico, concludendo la procedura e assegnando le risorse in tempi ottimali.  Siamo certi che l’attuazione dei progetti finanziati contribuirà al miglioramento dell’intero ciclo integrato dei rifiuti a livello provinciale, e soprattutto , incrementerà la percentuale di raccolta differenziata. La Provincia di Salerno, anche grazie al forte impegno e alla spinta propulsiva del presidente Cirielli e dell'assessore Bellacosa, si conferma virtuosa. Abbiamo già sollecitato le altre Province destinatarie di analoghi finanziamenti (per complessivi 5 milioni 400mila euro) ad avviare le procedure di propria competenza. L'iniziativa della Regione – ha concluso l'assessore Romano - va nella direzione di attuare la direttiva europea che pone la riduzione della produzione dei rifiuti al primo posto delle priorità e anche il Piano Regionale dei rifiuti che, oltre agli impianti, prevede una intensa azione di minimizzazione dei rifiuti.”

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©