Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Rifiuti, Amendola – Bonavitacola (PD): legge non risolve emergenza


Rifiuti, Amendola – Bonavitacola (PD): legge non risolve emergenza
20/01/2011, 14:01

Napoli, 20 gennaio 2011 - “Il vero titolo della nuova legge dovrebbe essere ‘Come trasformare l’emergenza rifiuti in definitivamente provvisoria’. Altro che fuoriuscita dalla crisi, tornano sfilze di commissari straordinari su tutto:
termovalorizzatori, discariche, impianti intermedi”. A dichiararlo sono Enzo Amendola, segretario regionale Pd Campania, e Fulvio Bonavitacola, deputato Pd, dopo l’approvazione definitiva alla Camera della legge sull’emergenza rifiuti in Campania.

“Ad ogni passaggio (Consiglio dei Ministri, Commissioni parlamentari, Camera e Senato) sono state introdotte continue modifiche. Ciò dimostra la confusione totale di cui è preda il governo, al di là dei ripetuti e ormai non più credibili slogan propagandistici. I Comuni, solo grazie all’iniziativa parlamentare del Pd – spiegano – conservano una competenza stiracchiata di un altro anno, in vista di un incerto subentro delle Province su tutto il ciclo, caso unico in Italia”.

“Altrettanto singolare è un nuovo federalismo penale: infrazioni nell’abbandono dei rifiuti che sono previste come reato solo in Campania. Al culmine del delirio normativo l’attribuzione di poteri al Presidente della Regione di emettere ordinanze in deroga alle norme già derogatorie del codice dell’ambiente. In tanti anni pur segnati da misure abnormi non si era mai giunti a tanto. La facile previsione – continuano Amendola e Bonavitacola – è che l’emergenza resta davanti alla Campania in tutta la sua portata, destinata solo ad aggravarsi nei prossimi mesi”.

“Il Pd proseguirà la propria azione di critica severa, accompagnata da proposte responsabili, nel solco del proprio progetto di legge presentato in Parlamento nei mesi scorsi, colpevolmente ignorato dal governo di centrodestra nazionale e regionale” concludono Amendola e Bonavicatola.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©