Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Rifiuti Campania, Circoli dell'Ambiente: "bene Romano a commissariare comuni inadempienti"


Rifiuti Campania, Circoli dell'Ambiente: 'bene Romano a commissariare comuni inadempienti'
28/04/2011, 14:04

“Condividiamo parola per parola le dichiarazioni di Giovanni Romano, Assessore all’Ambiente della Regione Campania: è necessario commissariare i Comuni che non portano la raccolta differenziata dei rifiuti, nell’immediato, ad una percentuale accettabile e contemporaneamente tamponare la situazione allargando le attuali discariche, in attesa della costruzione dei termovalorizzatori e degli altri impianti necessari per lo smaltimento dei rifiuti”. Sono le parole di Alfonso Fimiani, Presidente dei Circoli dell’Ambiente, che il 15/2 ha presentato alla Camera la proposta di legge formulata dall’Associazione: “Noi andiamo anche oltre la proposta di Romano. Per noi non basta che ai Comuni vengano inviati commissari ad acta solo per i rifiuti: un Sindaco ed un’Amministrazione non in grado di organizzare una differenziata che consenta di trasformare il rifiuto in risorsa devono andare a casa, non devono più amministrare!”. A Castel San Giorgio, Comune pilota del progetto ‘Il nostro rifiuto, la vostra risorsa’ messo in piedi dall’Associazione Culturale Claudio Maria Fimiani e dai Circoli, grazie alla massiccia campagna di informazione e sensibilizzazione, si sono ottenuti i primi risultati e la TARSU, in controtendenza rispetto agli altri Comuni della Campania, è diminuita del 7%: “Devo ancora una volta ringraziare il Vice-Sindaco, che gestisce la delega assessoriale all’ambiente, Nobile Soglia, che ha creduto in questo progetto e, pur con le enormi difficoltà che la macchina burocratica troppo spesso pone innanzi agli amministratori, ne ha permesso la realizzazione. Per fortuna anche dagli altri Comuni in cui abbiamo aperto i nostri SIA (Sportelli Informativi Ambientali) arrivano notizie confortanti, ma si può e si deve fare molto di più: è necessario che venga posta una soglia minima del 50% di RD al di sotto della quale il Comune viene commissariato”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©