Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Rifiuti Campania, domani Question Time dell'on. Formisano su Terra dei Fuochi


Rifiuti Campania, domani Question Time dell'on. Formisano su Terra dei Fuochi
23/07/2013, 15:34

ROMA - “Domani 24 luglio 2013, nel corso del Question Time alla Camera interroghero’ il ministro dell’Ambiente, Andrea Orlando, per sapere, se non ritenga, per quanto di sua competenza, fissare gli obiettivi, anche temporalmente, e i modi per giungere ad una soluzione definitiva del gravissimo fenomeno dei roghi dolosi di discariche in Campania, nella cosiddetta ‘Terra dei fuochi’, che non accenna a diminuire. Non si tratta di una questione locale, ma nazionale a tutti gli effetti, sia perche’ i rifiuti bruciati e sepolti nella ‘Terra dei fuochi’ provengono da industrie dislocate in tutta Italia, industrie che preferiscono collaborare con la camorra piuttosto che con chi lavora onestamente, sia perche’ la salvaguardia dell’ambiente e’ un tema di vitale importanza per la stessa coesione nazionale”.
Ad annunciarlo, in una nota, e’ l’on. Nello Formisano (Cd), capogruppo alla Camera di Centro Democratico e segretario regionale campano del partito guidato da Bruno Tabacci.
“Quest’anno gia’ oltre 800 sono i roghi che si sono sviluppati in quelle zone martoriate. Tale situazione perdura da troppo tempo, con danni gravissimi ed innegabili alla salute dei cittadini non solo campani, nella ormai ex Campania felix, dove, infatti, si continuano a bruciare rifiuti tossici di ogni genere e pericolosita’, e si prosegue negli sversamenti illegali di rifiuti tossici ed industriali”, aggiunge l’on. Formisano.
“E’ noto che tra poco tempo verranno fatti partire molti bandi per le
bonifiche, ed e’ facile immaginare che il nuovo flusso di denaro attirera’
ancora una volta le ecomafie, che probabilmente non sono estranee ai nuovi roghi. Le indagini sui recenti incendi mostrano un salto di qualita’ per quel che riguarda i materiali usati per dare alle fiamme i rifiuti. Infatti, oltre ai purtroppo tradizionali copertoni sono stati utilizzati per la prima volta frigoriferi, con un ulteriore aumento della pericolosità delle conseguenze dei roghi”, si legge nell’interrogazione.
“In particolare appare ancor piu’ angoscioso, se possibile, quanto scoperto a Caivano dove e’ stata riscontrata la presenza del micidiale veleno Toulene in un terreno coltivato. Nella discarica abusiva sono stati, inoltre, trovati decine di metri cubi di terreno indenne, ammonticchiati ai lati della parte ‘infetta’. Questo terreno pulito serviva per ‘ravvivare’ lo strato superficiale, contaminato, e permettere quindi la coltivazione degli ortaggi. Si tratta di una constatazione di enorme gravita’ perche’ fa comprendere che chi coltivava quegli alimenti ben sapeva dove lo stesse facendo, e soprattutto sopra cosa”, rileva il capogruppo di Centro Democratico, il quale conclude:
“Altro gravissimo sito inquinante e’ quello della ex Resit a Giugliano,
laddove numerose inchieste hanno stabilito che per 20 anni sono stati sversati rifiuti tossici, tra i  quali i fanghi della Acna di Cengio, con la
contaminazione delle stesse falde acquifere presenti nella zona. Nelle duecave, dette Z ed X, della ex Resit sono presenti fenomeni sconcertanti quali le cosiddette ‘fumarole’, ossia fumi pestilenziali che si levano dalla sommita’ della discarica, rendendo irrespirabile l’aria della zona, e questo mentre nei campi vicini si prosegue a coltivare come se nulla fosse”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©