Politica / Parlamento

Commenta Stampa

RIFIUTI: L'APPELLO DI DE FRANCISCIS


RIFIUTI: L'APPELLO DI DE FRANCISCIS
08/01/2008, 09:01

L’emergenza rifiuti in Campania è oramai la questione che tiene banco in tutti i salotti, in tutti i palazzi istituzionali, e così i politici iniziano a muoversi.
Un appello perché in questa “situazione così drammatica sotto il profilo ambientale ed igienico-sanitario” tutti sentano il dovere di stringersi attorno “ai rappresentanti degli Enti locali, ai vostri sindaci”, e ad una protesta costruttiva, che vada nella direzione di chiedere al Governo di restituire i poteri ordinari in materia di smaltimento rifiuti a Province e Comuni, viene lanciato in un messaggio trasmesso dalle televisioni locali ai cittadini di Terra di Lavoro dal presidente della Provincia, Sandro De Franciscis.
 “Come amministratori sappiamo di poter lavorare a soluzioni per uscire dalla crisi rifiuti – dice De Franciscis –. Abbiamo le idee chiare su questo punto ma vorremmo che ci lasciassero esercitare le prerogative che invece ci vengono ancora negate”. Il presidente della Provincia di Caserta insiste su questo punto: “Abbiamo immaginato delle soluzioni e fatto delle proposte al Commissariato. Ci sarebbe la possibilità di uscire da questa drammatica crisi con tre-quattro soluzioni ma – aggiunge De Franciscis – il commissario non le ha accolte. Anzi, ci viene opposto un imbarazzante silenzio”. Da qui l’invito alla comunità provinciale di mettere in campo forme di protesta civili: “Chiediamo tutti insieme che cessi la parentesi lunga ed inconcludente del regime commissariale in Campania e a Caserta”.
       Nel messaggio De Franciscis invita la popolazione a “trattenere per qualche giorno presso le abitazioni la frazione secca dei rifiuti che si producono quotidianamente”. “Può apparire una misura inutile di fronte ad un’emergenza così grande – osserva – ma anche questi piccoli gesti possono aiutare”. “Capisco la vostra esasperazione di fronte a tanto scempio – conclude il presidente della Provincia – e giustifico le vostre proteste, ma occorre senso civico e mi sento di assicurare che riusciremo a metterci presto alle spalle questo momento così drammatico”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©