Politica / Parlamento

Commenta Stampa

RIFIUTI: L'OPPOSIZIONE OCCUPA AULA CONSIGLIO REGIONALE


RIFIUTI: L'OPPOSIZIONE OCCUPA AULA CONSIGLIO REGIONALE
27/12/2007, 16:12

Giornata caotica per la politica campana. Prima di procedere all’esame ed all’eventuale approvazione della finanziaria e del bilancio 2007, i consiglieri regionali di opposizione (AN, FI, UDC e NPSI) hanno occupato l’aula del consiglio regionale in segno di protesta nei confronti della maggioranza retta dal presidente Bassolino, ritenendo che vi sia“’insensibilità ad attivare misure idonee atte a risolvere il cronico problema dell’emergenza rifiuti nella nostra regione”, diventata drammatica nelle ultime settimane.
L’occupazione è stata l’occasione per chiedere nuovamente la discussione della mozione sulla gestione dei rifiuti in Campania presentata in data 5 novembre al Presidente del Consiglio Regionale dal capogruppo Udc alla Regione, Pasquale Marrazzo, primo firmatario, e dai capigruppo Sibilia (FI), D’Ercole (AN) e Grimaldi (NPSI).
La mozione chiede al Governo Regionale di impegnarsi per “porre in essere tutte le iniziative possibili per la chiusura della gestione commissariale e il passaggio al regime ordinario”, e ad attivare tutti i procedimenti, gli adempimenti e le iniziative per rendere operativa la legge regionale n. 4 del 28/03/07 “Norme in materia di gestione, trasformazione, riutilizzo dei rifiuti – Bonifica di siti inquinati”, approvata dal Consiglio regionale ma rimasta lettera morta.
Nella mozione si ripercorrono le tappe dell’emergenza rifiuti che in Campania perdura da ben 13 anni, nonostante l’approvazione nel 1997 del Piano Regionale per lo smaltimento dei rifiuti, la messa in funzione di sette impianti per la produzione di CDR tra il 2001 ed il 2003 e ha comportato, da febbraio 1994 ad oggi, gravi e ripetute crisi nello smaltimento dei rifiuti, con conseguente abbandono di rifiuti in strada per settimane.
Del caso Campania si sta occupando anche la Commissione Europea, che il 27/06/07 ha avviato una procedura di infrazione contro l’Italia, e contestualmente la Procura della Repubblica di Napoli ha aperto un’inchiesta sulla gestione straordinaria dei rifiuti in Campania.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©