Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Rifiuti, Manfredi (Pd): "Basta ritardi"

Pd al lavoro con Ministro Orlando

Rifiuti, Manfredi (Pd): 'Basta ritardi'
20/06/2013, 15:41

"Il Pd, anche dopo quest'ultima sanzione richiesta dalla Ue sulle reiterate inadempienze nella gestione dei rifiuti in Campania, continua a scegliere la responsabilità. Non essendo in maggioranza in nessuno degli Enti coinvolti, potremmo nasconderci dietro strumentalizzazioni, come hanno fatto gli altri durante gli anni in cui il centro sinistra governava a livello locale. Ma non è così, per questo siamo impegnati con il Ministro Orlando per cercare soluzioni il più possibile condivise per agire su Raccolta differenziata e su tutti gli impianti di trattamento necessari a riportare la nostra regione alla normalità". A dichiararlo è il deputato del Pd Massimiliano Manfredi, componente della Commissione Ambiente.


"Sta di fatto che in questi anni - continua Manfredi - dietro uno stucchevole dibattito sulla necessità o meno di nuovi termovalorizzatori, si è cercato di nascondere un consistente ritardo da parte delle Istituzioni competenti circa l'attuazione del Piano rifiuti, in particolare sul completamento dell'impiantistica funzionale al ciclo integrato e sul potenziamento della Raccolta Differenziata. Dentro questo meccanismo perverso, le ingenti difficoltà delle società provinciali addette alla gestione del ciclo, in particolare la Sapna di Napoli, e la vacatio parziale dei poteri commissariali sulle bonifiche hanno creato un singolare paradosso: i napoletani pagano oggi la tassa sui rifiuti più alta d'Italia e al contempo i cittadini delle comunità, da Acerra a Tufino, che hanno fatto sacrifici ospitando impianti, non riescono a ricevere fino in fondo il giusto corrispettivo in termini di ristori e di riduzione della tariffa".


"Nel Decreto sulle emergenze - chiude Manfredi - in discussione alla Camere in queste ore, il Gruppo parlamentare del Pd ha fatto introdurre una norma che impedirà, almeno in parte, il protrarsi di questa ingiustizia ai danni del territorio. Non appena, infatti, entrerà in vigore la Tares i benefici per i cittadini interessati verranno riconosciuti a monte in sede comunale".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©