Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Rifiuti, Porfidia: "responsabilizzare classe politica per evitare nuove emergenze"


Rifiuti, Porfidia: 'responsabilizzare classe politica per evitare nuove emergenze'
05/07/2011, 16:07

Roma, 5 LUGLIO 2011 - "Dalla complessa vicenda legata alla crisi dei rifiuti a Napoli dobbiamo ripartire per responsabilizzare la classe politica ed evitare che in futuro si abbiamo a ripetere scempi simili” lo dichiara in una nota l’on. Americo Porfidia di Noi Sud “La posizione della Lega – specifica il deputato di Ir – è inammissibile ed inconciliabile con una politica di respiro nazionale, e per questo è da controbattere ponendo avanti i legittimi interessi del Sud, tuttavia non possiamo non prendere atto che spesso al sud solo dopo essere giunti a situazioni critiche ed emergenziali, si riesce a risolvere problemi e trovare soluzioni. In queste ore apprendiamo dalla stampa che sono state individuate ben 4 zone per localizzare nuove discariche in Campania. Ma non poteva essere fatto prima, evitando tutto il disagio e il gravissimo danno d’immagine alla città e al meridione nel suo complesso – si chiede Porfidia - . Del resto noi crediamo che un intervento forte dev’essere fatto sull’intero ciclo dei rifiuti, completato in ogni sua parte compreso l’utilizzo del termovalorizzatore, senza il quale rischiamo di trovarci a breve punto accapo e le strade inondate dai sacchetti. E’ ormai evidente che siamo fuori tempo massimo per gli slogan e le boutade a fini elettorali, ci vogliono scelte sagge e coraggiose. Una politica virtuosa e responsabile è quella che evita le situazioni di emergenza, agisce in via preventiva. In questo senso anche il federalismo fiscale – conclude il deputato di Noi Sud - deve essere visto come un serio banco di prova per la crescita di una nuova classe dirigente meridionale, preparata ed autonoma, che sia in grado da sola di prevenire ed evitare le situazioni critiche. Solo muovendosi in questa direzione sarà possibile dialogare e rivendicare le legittime forme di solidarietà.”

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©