Politica / Regione

Commenta Stampa

Rifiuti, Provincia di Napoli finanzia imprese per acquisto compostiere e biotrituratori


Rifiuti, Provincia di Napoli finanzia imprese per acquisto compostiere e biotrituratori
27/04/2009, 15:04

"Con i contributi alle aziende agricole della Provincia di Napoli che vogliono investire nella differenziazione e nel riciclo dei rifiuti agricoli, otteniamo due importanti risultati: riduciamo i rifiuti e creiamo dei fertilizzanti naturali che allontanano l’uso della chimica". Lo ha detto l’assessore all’Agricoltura della Provincia di Napoli, Francesco Emilio Borrelli, che questa mattina ha presentato l’elenco completo delle 25 aziende che sono state finanziate dalla Provincia di Napoli per un totale di 140mila euro. "Il comune da cui abbiamo avuto il maggior numero di richieste è Napoli, dove abbiamo finanziato sette interventi" - ha aggiunto Borrelli, precisando che "gli altri interventi finanziati sono previsti a Villaricca, Castellammare di Stabia, Melito, Vico Equense, Acerra, Cardito, Gragnano, Marano, Grumo nevano, Massa di Somma, Portici e Volla". Alla conferenza stampa erano presenti anche i rappresentanti della Coldiretti per i quali "il finanziamento per l’acquisto di biotrituratori e compostiere è un segnale concreto per ridurre i rifiuti agricoli che sono un costo per le aziende". Nel corso della conferenza stampa è stata illustrata la tecnica del compostaggio, "attraverso la quale viene controllato, accelerato e migliorato il processo naturale a cui va incontro qualsiasi sostanza organica per effetto della flora microbica naturalmente presente nell’ambiente e che, a partire dalle matrici organiche di scarto che si originano nel corso delle attività culturali, porta alla produzione di un fertilizzante stabile e sicuro in termini di fitotossicità, da riutilizzare in azienda per aumentare la fertilità organica del suolo". Per quanto riguarda i briotrituratori "svolgono la funzione di sminuzzare finemente i residui vegetali, come foglie, erba, rami, rifiuti vegetali, scarti di potatura e pezzi di legno per l’avvio del compostaggio in compostiere o in cumuli". Le compostiere, invece, sono contenitori dove vengono depositati i rifiuti organici per avviarli al compostaggio al fine di accelerare il processo stesso e di renderlo indipendente dalle condizioni atmosferiche. E’ stata infine richiesta la diminuzione della Tarsu per le aziende che iniziano la procedura per il compostaggio.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©