Politica / Regione

Commenta Stampa

Rifiuti, Roberto Fico (M5S): la giunta Caldoro non fa che deludere


Rifiuti, Roberto Fico (M5S): la giunta Caldoro non fa che deludere
24/02/2011, 16:02

A seguito delle notizie che si succedono sui giornali in merito al piano regionale di gestione dei rifiuti attualmente in bozza, il MoVimento 5 Stelle di Napoli emette questo comunicato stampa: “A 17 anni dall’inizio dell’emergenza rifiuti, il nuovo Piano Regionale Rifiuti della Regione Campania disattende completamente quello che l’Unione Europea ha più volte chiesto”. E' quanto ha dichiarato Roberto Fico, candidato Sindaco al Comune di Napoli per il MoVimento 5 Stelle. Queste in sintesi le richieste arrivate da Bruxelles: riduzione, riutilizzo e riciclaggio dei rifiuti;  realizzazione di un adeguato numero di impianti di compostaggio;  smaltimento in tempi «ragionevolmente rapidi» dei quasi otto milioni di ecoballe stoccati nei siti campani.  Di fronte a queste chiare indicazioni, il Piano Regionale Rifiuti inviato dalla Regione Campania non fa alcun cenno alla riduzione ed al riuso, stimando addirittura un aumento della produzione annua fino al 2014. Nello stesso piano non si fa alcune cenno alla raccolta differenziata "spinta" e porta a porta su tutto il territorio regionale, che sarebbe l'unica possibilità di raggiungere il 65% di raccolta differenziata prescritto dalla legge. Non si prevede inoltre alcun investimento per i moderni impianti di trattamento meccanico manuale (come in funzione a Vedelago), nè si punta ad un rilancio dell’agricoltura. Si rinuncia insomma all’opportunità, come avviene in tutta Europa, di creare ricchezza e occupazione attraverso un moderno ciclo virtuoso dei rifiuti. “Con un realistico piano di riduzione – prosegue Fico - e con poche decine di milioni di euro, si potrebbe più che dimezzare la produzione annua pro capite di rifiuti. La cosa più grave è che si è rinunciato a salvaguardare la nostra salute e la nostra economia per favorire a tutti i costi la lobby degli inceneritori. Ciò in assoluta controtendenza – ha concluso Roberto Fico – con il resto d'Europa, e senza dare nessun ascolto alle proteste e alle proposte dei comitati e dei cittadini della nostra regione”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©