Politica / Regione

Commenta Stampa

Rifiuti, Romano: "piano esclude biogassificatore a Capua o a Lo Uttaro"


Rifiuti, Romano: 'piano esclude biogassificatore a Capua o a Lo Uttaro'
18/01/2012, 10:01

“L'attuale Piano regionale per i rifiuti non consente in alcun modo la realizzazione di impianti di smaltimento laddove sono stati previsti i programmi di risanamento dell'aria come ad esempio a Capua e nelle aree limistrofe a Ferrandelle o a Lo Uttaro, per citarne alcune”.

Lo ha precisato oggi il presidente del Comnsiglio regionale della Campania, Paolo Romano, che spiega:

“Il mio emendamento presentato ed approvato in Commissione Ambiente a firma del collega Fulvio Martusciello stabilisce, infatti, il divieto di realizzare impianti di termovalorizzazione o biogassificazione laddove sono stati previsti per legge i programmi di risanamento e mantenimento della qualità dell'aria eccezion fatta per quanto già espressamente individuato dall'articolo 8, comma 1, del Decreto legge n. 90 del 24 maggio 2008 (convertio in legge n. 123 del 14 luglio del 2008) e dall'articolo 10, comma 6 bis, della Legge n. 26 del 2010 (Napoli Est e Giugliano).

“Quesa norma - ha agigunto il presidente Romano - ha un'obiettivo ben preciso: tutelare quelle aree che in passato sono state interessate da discariche o impianti che ne hanno compormesso la qualità dell'ambiente ed in particolare dell'aria e che oggi sono oggetto di bonifica. Territori, dunque, che col nuovo Piano rifiuti non possono essere più destinati ad impiantistica”.

“Il Piano per i rifiuti ora approvato prevede certamente la realizzazione di un impianto di smaltimento nel Casertano e spetterà senz'altro alla Provincia adoperarsi per l'individuazione delle aree più opportune e idonee. Tuttavia - ha concluso Romano - queste non potranno essere indicate laddove insiste quel doveroso vincolo di tutela ambientale che il mio emendamento ha inteso stabilire”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©