Politica / Politica

Commenta Stampa

Rifiuti, Ruggiero (IDV): "su discariche non giocare a nascondino"


Rifiuti, Ruggiero (IDV): 'su discariche non giocare a nascondino'
20/01/2012, 13:01

“Abbiamo affermato piu’ volte che l’apertura di nuove discariche e’ necessaria per la fase di transizione che porti finalmente ad un ciclo industriale nella gestione dei rifiuti fatto di raccolta differenziata, impianti di trasformazione intermedi, siti di compostaggio, tecnologie avanzate. Abbiamo piu’ volte affermato che il numero di termovalorizzatori previsto a regime, cioe’ tra non meno di 4 o 5 anni, e’ sovrastimato”.
Ad affermarlo, e’ Vincenzo Ruggiero (Idv), segretario cittadino di Napoli dell’Italia dei Valori.
“In tutto questo tempo -aggiunge- ci si augura che la differenziata e i siti di compost siano molto piu’ avanti di dove sono adesso. Il punto e’ che il governatore della regione continua a giocare a nascondino sulla responsabilita’ e fattibilita’ dell’apertura di nuove discariche”.
“In primo luogo -sottolinea Ruggiero- la competenza non e’ dei Comuni. Inoltre, c’e’ un commissario regionale, appositamente nominato per occuparsi della materia. La sostanza, pero’, è ancora un’altra. Il territorio di Napoli e della sua provincia sono completamente saturi. Fino a quando si pensera’ di ragionare su scala provinciale non se ne uscira’. Non per la contrarieta’ dei napoletani, che una discarica di fatto regionale l’hanno ospitata per venti anni a Pianura”.
“Caldoro dica la verita’. La sua maggioranza impedisce di perseguire la soluzione piu’ logica e da tutti i tecnici neutrali indicata: una o piu’ discariche regionali nel territorio scarsamente abitato tra Avellino e Benevento. O prevale la ragionevolezza o si rischia una nuova crisi le cui responsabilita’ saranno molto, molto chiare”, conclude l’esponente Idv.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©