Politica / Politica

Commenta Stampa

Per prevenire l'abbandono sulle strade extraurbane

Rifiuti, siglato protocollo d’intesa in Prefettura


.

Rifiuti, siglato protocollo d’intesa in Prefettura
23/03/2012, 16:03

NAPOLI – Una firma per promuovere attività di controllo e prevenzione, contro l’abbandono illecito dei rifiuti lungo le strade extraurbane della Provincia di Napoli e le loro pertinenze contro lo smaltimento dei rifiuti attraverso roghi in luoghi pubblici e privati. Ma anche un impegno preso da Prefettura, diciassette Comuni, (Acerra, Afragola, Caivano, calandrino, Casalnuovo di Napoli, Casoria, Cercola, Crispano, Frattamaggiore, Frattaminore, Giugliano in Campania, Marigliano, Melito di Napoli, Nola, Pomigliano d'Arco e Sant'Antimo), Provincia di Napoli, associazioni di categoria, Camera di Commercio, Conai, Anas del Compartimento della viabilità in Campania, per realizzare da subito quanto scritto su carta. In sintesi è il protocollo d’intesa, siglato questa mattina nella sala Profili della prefettura di Napoli e nato su proposta del Prefetto di Napoli, Andrea De Martino.
E il protocollo, a sentire l’assessore provinciale delegato all’ambiente Giuseppe Caliendo, può rappresentare una buona opportunità. “Il rifiuto deve divenire una risorsa economica occupazionale, qui e non altrove”, sottolinea.
I comuni interessati provvederanno nei territori di competenza alla rimozione dei rifiuti presenti su strade e sulle piazzole. Tale attività sarà supportata dalle squadre Anas per la gestione della viabilità nei tratti interessati dalla raccolta.
Il protocollo d’intesa ha la durata di due anni. Tutte le parti interessate, inoltre, hanno stabilito di riunirsi con cadenza semestrale allo scopo di verificare l’attuazione delle previsioni e per apportare eventualmente integrazioni che dovessero rendersi necessarie.


Ecco gli impegni delle parti

LA PREFETTURA DI NAPOLI in collaborazione con la provincia, si impegna a promuovere attività di coordinamento tra tutti gli Enti sottoscrittori del protocollo sia in riferimento all’abbandono che allo sversamento illecito dei rifiuti lungo le strade.

LA PROVINCIA DI NAPOLI, L’ANAS E GLI ALTRI GESTORI E CONCESSIONARI DELLE STRADE si impegnano, ciascuno per le strade di rispettiva competenza, a programmare ed attuare d’intesa con i Comuni tutte le misure e le cautele idonee a garantire la sicurezza della circolazione e degli operatori addetti alla rimozione dei rifiuti giacenti lungo le strade.

I COMUNI SOTTOSCRITTORI DEL PROTOCOLLO si impegnano, attraverso i regolamenti comunali, a garantire la raccolta a domicilio dei rifiuti di provenienza agricola per le utenze non identificabili come attività produttive.

IL CONAI si impegna al ritiro dei rifiuti da imballaggio provenienti dalla raccolta differenziata garantendone il successivo avvio al riciclo.

LE ASSOCIAZIONI DI IMPRESE AGRICOLE FIRMATARIE si impegnano a fornire ai propri associati ogni informazione utile alla conoscenza dei contenuti del protocollo d’intesa; fornire ai propri associati ogni forma utile sulla compilazione di documenti e disposizioni tecniche per il trasporto dei propri rifiuti; prestare ogni forma di collaborazione utile alla realizzazione degli scopi del protocollo.

LA CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA ED ARTIGIANATO si impegna a fornire alla Prefettura di Napoli, per ogni futura attività di prevenzione, gli elenchi delle aziende che commercializzano prodotti che possono diventare rifiuto.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©