Politica / Regione

Commenta Stampa

Rifiuti speciali: ecco il piano della Regione Campania

Oggi il tavolo del partenariato

.

Rifiuti speciali: ecco il piano della Regione Campania
09/06/2011, 15:06

NAPOLI - Mentre la Guardia di Finanza poneva sotto sequestro un’area di proprietà della Regione Campania nel comune di Marcianise perché adibita a discarica abusiva di rifiuti speciali, questa mattina si è riunito il tavolo regionale del partenariato economico e sociale, il tema del confronto il piano regionale dei rifiuti speciali.
Ecco cosa prevede:
1 di adottare, ai sensi del c. 1 dell’art. 13 della L.R. 4/2007 e ss.mm.ii., la proposta di Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti Speciali della Campania con allegato il parere della
Conferenza permanente Regioni-Autonomie Locali, unitamente al Rapporto Ambientale,
integrato con lo studio di incidenza, ed alla relativa Sintesi non tecnica, la cui documentazione è depositata agli atti del Settore 01Programmazione dell'AGC 21;
2 di approvare lo “schema di avviso” per l’apertura della fase di consultazione dei soggetti competenti in materia ambientale e del pubblico ai sensi degli artt. 13 e 14 del D.lgs n. 152/2006, opportunamente coordinata con quella prevista dal comma 2 dell’art. 13 della L.R. fonte: http://burc.regione.campania.it n. 34 del 31 Maggio 2011
4/2007, contenente l’indicazione delle modalità di consultazione ed i termini per la trasmissione delle eventuali osservazioni;
3 di inviare al BURC, in formato digitale per la pubblicazione, la proposta di Piano Regionale di
Gestione dei Rifiuti Speciali della Campania con allegato il parere della Conferenza permanente Regioni-Autonomie Locali, unitamente al Rapporto Ambientale, integrato con lo
studio di incidenza, ed alla relativa Sintesi non tecnica;
4 di rinviare a successivi atti del dirigente del Settore 01 - Programmazione dell’AGC 21 - Programmazione e Gestione dei Rifiuti - l’adozione degli adempimenti conseguenti al completamento dell’iter amministrativo previsto nella DGR 570/2010, ivi comprese le procedure per garantire ampia diffusione degli atti di pianificazione, anche mediante l’allestimento di una pagina web, nel rispetto dei tempi previsti dalla normativa di settore;

Commenta Stampa
di Nando Cirella
Riproduzione riservata ©