Politica / Politica

Commenta Stampa

Camusso: “da Monti parole gravi”

Riforma del lavoro, la cgil promuove mobilitazione nazionale


Riforma del lavoro, la cgil promuove mobilitazione nazionale
19/04/2012, 19:04

ROMA – “Parole gravi per la condizione sociale in cui versa il Paese. Aldilà del riferimento sgradevole alla Grecia, questo governo è di fronte all'auto dichiarazione che, rispetto ai tre temi che hanno accompagnato il suo insediamento (rigore, equità e crescita), la crescita viene cassata e l'equità non c'è mai stata". Con queste parole il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, ha commentato le parole di ieri del premier Mario Monti, in un passaggio della sua relazione introduttiva al Comitato Direttivo.
Così, in segno di protesta la Cgil promuove per giovedì 10 maggio una mobilitazione nazionale sulla precarietà. Ad annunciarlo è stata proprio la Camusso, durante il suo intervento introduttivo al comitato direttivo.
Al riguardo la Cgil denuncia arretramenti nel ddl di riforma del lavoro sulla precarietà e chiedendo risposte sui giovani.
La delega fiscale è "un'occasione persa per spostare il peso del Fisco dai lavoratori e dai pensionati ai grandi patrimoni e alle grandi rendite, specie perché le scelte fatte con la delega fiscale operano un ulteriore spostamento contro il lavoro". È questo il giudizio espresso dal segretario generale della Cgil sulla delega fiscale nel corso della relazione introduttiva al comitato direttivo.
Secondo Camusso "non c'è risposta al lavoro e alle imprese che investono". Il numero uno della confederazione di Corso d'Italia ha poi osservato che "c'è un impoverimento del paese per le persone che rappresentiamo, lavoratori e pensionati".
La Camusso ha inoltre sottolineato che "una gran parte del mondo del lavoro vive di retribuzioni determinate dagli ammortizzatori, mentre parallelamente è aumentato il carico fiscale. Il Fisco - ha concluso - non è solo un tema di giustizia ed equità, ma guarda alle politiche economiche e a come si rimette in moto il paese. Può essere la molla per determinare il cambiamento della stagione".

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©