Politica / Politica

Commenta Stampa

Per il confronto con il Governo posizione unitaria

Riforma lavoro, raggiunto accordo tra i sindacati

Cgil, Cisl e Uil: “Parleremo anche di sviluppo e crescita”

Riforma lavoro, raggiunto accordo tra i sindacati
13/01/2012, 18:01

ROMA – Dopo il confronto, le discussioni arriva finalmente l’intesa: Cgil, Cisl e Uil si presenteranno all’incontro con il Governo sulla riforma del mercato del lavoro con una posizione unitaria.

“Andiamo con delle proposte comuni. Siamo pronti a una discussione vera”, ha fatto sapere il segretario Cisl Raffaele Bonanni. Ma, non sarà solo l’occupazione l’argomento principale: “Daremo importanza anche a crescita e sviluppo – ha precisato il leader della Cgil, Susanna Camusso - ci auguriamo che il governo non voglia il fallimento prima della discussione. Bisogna sgomberare il campo da ciò che leggiamo sui giornali sull'articolo 18”. L’appello forte dei sindacati al Governo è di non trasformare l'articolo 18 in un "totem". Insomma la richiesta è sempre quella del confronto, così come ribadisce Luigi Angeletti della Uil: “La strada per le riforme non può essere quella di sospendere la partecipazione, quindi la democrazia perché così il treno del governo si impantana”.

E’, inoltre, il numero uno della Cisl ad aprire a Confindustria specificando che non è impossibile un accordo che coinvolga sindacati e imprese. “Non ci sono distanze sugli strumenti da utilizzare. Mentre sul tema dell'articolo 18 Confindustria è stata trascinata per i capelli, non è tema sentito dagli imprenditori ma alimentato da laboratori culturali e politici”.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©