Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Nove nuovi sottosegretari. La new entry è Catone

Rimpasto: arriva la ricompensa ai Responsabili. Nuove nomine

Le promozioni vanno alle “stampelle” di Ir ed ex Fli

Rimpasto: arriva la ricompensa ai Responsabili. Nuove nomine
05/05/2011, 11:05

ROMA – L’ormai famoso “rimpastino governativo” ha ottenuto l’ok dal Consiglio dei ministri riunitosi a palazzo Chigi. Sono nove i nuovi sottosegretari nominati dal Cdm su proposta del presidente del Consiglio, in totale sintonia con le promesse fatte in precedenza sull’assegnazione di nuove poltrone. In questo modo si completa l’allargamento della maggioranza di governo e la nuova ondata di promozioni conferite dal Cavaliere, come ci sia aspettava, coinvolge il nuovo gruppo di Iniziativa Responsabile e gli ex Fli. In altre parole il riconoscimento va a coloro che scongiurarono, nel dicembre scorso, l’ipotesi che il premier potesse essere sfiduciato e che continuano a rappresentare la terza gamba che garantisce all’esecutivo la maggioranza alla Camera. I Responsabili, dunque, o come qualcuno all’interno di Fli ha preferito etichettarli “I disponibili”, sono stati accontentati. Il prezzo della loro disponibilità, infatti, è stato pagato.
Per quanto riguarda i nuovi nominati, si tratta di Luca Bellotti (ex finiano) al Welfare, Roberto Rosso (ex Fli “pentito”) all’Agricoltura, Daniela Melchiorre (dei Liberaldemocratici) alla Sviluppo Economico, Catia Polidori (che fa capo al gruppo di ex Fli di Silvano Moffa) e Bruno Cesario all’Economia, Aurelio Misiti (ex Mpa) alle Infrastrutture, Riccardo Villari (senatore ex Pd) ai Beni Culturali e Antonio Gentile all’Ambiente. Una new entry: Giampiero Catone, che celebra il suo ingresso nella squadra dell’Esecutivo e va allo Sviluppo Economico. Al di là delle nuove assegnazioni c’è da evidenziare ancora un ritocco nella compagine di governo. Si tratta di uno spostamento: è quello della sottosegretaria Sonia Viale, trasferita dal ministero dell’Economia a quello dell’Interno. Un trasferimento di cui si parlava da tempo, visto che l’esponente leghista è molto vicina al Titolare del Viminale, Roberto Maroni.
Un primo commento a caldo a quanto trapelato dalla riunione del Consiglio dei ministri, ancora in corso, arriva dal Partito Democratico. Il Pd definisce “indecorosa” la nomina dei nuovi nove sottosegretari del governo Berlusconi, prevalentemente dei Responsabili,considerata “uno schiaffo ai cittadini”, ai quali vengono invece chiesti sacrifici. “È uno spettacolo - ha commentato Michele Ventura, vicepresidente vicario dei deputati del Pd - indecoroso. Bastano numeri e nomi a confermare che questo governo si regge soltanto su cambiali pagate o da pagare”. “È una vergogna - ha detto ancora- perchè questo governo non rappresenta l’Italia, uno schiaffo in faccia ai cittadini che lavorano e investono, ai ragazzi senza prospettiva, a chi fa della dignità e del merito il proprio stile di vita”.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©