Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Il sottosegretario Baretta ai microfoni di Radio Anch’io

Rinvio aumento Iva possibile, ma non per sempre

Cgia: aumento peserà su famiglia a basso reddito

Rinvio aumento Iva possibile, ma non per sempre
30/08/2013, 11:37

ROMA -  Il sottosegretario all'Economia, Pierpaolo Baretta, ai microfoni di Radio , è intervenuto sulla questione Iva:  ''La possibilità che l'aumento dell'Iva venga eliminato per sempre è sotto il 5% ma per questi ulteriori 3 mesi la possibilità è abbastanza buona''. Il  sottosegretario ha spiegato che il rinvio dovrà essere inserito in una riforma generale delle aliquote perché ''è dai tempi del paniere che non si fa una discussione approfondita sulla distribuzione e il peso delle varie voci''. ''Le risorse sono scarse è vero - ha aggiunto il - ma è vero anche l'impegno del governo a evitare l'aumento e più di tutto va fatto un discorso di merito sull'Iva. Oggi le fasce deboli sono più penalizzate e tre aliquote sono troppe, anche l'Europa ce lo dice, una riforma dell'Iva è utile. Il pane - ha continuato - è tassato al 4%, ma confezionato ha un'altra aliquota. Allora la domanda è in che misura e su quali temi e in questo sarà molto importante il contributo del rappresentanti delle categorie del commercio”. Secondo il centro studi della Cgia di Mestre, con l'aumento dell'Iva le famiglie meno abbienti saranno quelle più penalizzate. Nonostante in termini assoluti saranno i percettori di redditi elevati a subire l'aggravio di imposta più pesante la situazione si trasforma completamente se si confronta, l'incidenza percentuale dell'aumento dell'Iva sullo stipendio netto annuo di un capo famiglia. L'eventuale aumento dell'imposta peserà maggiormente sulle retribuzioni più basse e meno su quelle più elevate.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©