Politica / Parlamento

Commenta Stampa

RISPETTARE I LIMITI DI SPESA È L’UNICA SOLUZIONE PER EVITARE IL COMMISSARIAMENTO DELLA SANITÀ IN CAMPANIA”


RISPETTARE I LIMITI DI SPESA È L’UNICA SOLUZIONE PER EVITARE IL COMMISSARIAMENTO DELLA SANITÀ IN CAMPANIA”
19/11/2008, 10:11

 

Il Consigliere Segretario del Consiglio Regionale della Campania, il vice-presidente di Forza Italia Pasquale Marrazzo, interviene sull’ipotesi del commissariamento della sanità nella nostra regione, ribadendo il suo punto di vista alla luce della diffida inviata dal presidente del Consiglio dei Ministri al Presidente della Giunta Regionale in data 11 c.m.
 “In queste settimane, mi sono sforzato di chiarire che il problema da risolvere da parte della Giunta Regionale per evitare il commissariamento della sanità, fosse quello di dimostrare al Tavolo tecnico ed al Comitato nazionale di rispettare i limiti di spesa per il 2008 previsti dal Piano di rientro sottoscritto con il Governo Nazionale nel marzo del 2007, e non quello di attardarsi ed intestardirsi ad approvare un nuovo piano ospedaliero che, così come licenziato dalla Giunta, scontenta tutti e produce ipotetici effetti di riduzione della spesa a partire dal 2010.
Un nuovo piano lo si deve approvare, ma per incidere sulla spesa strutturale, oggi fuori controllo ed inidonea ad assicurare una sanità di qualità, e deve rispondere alle esigenze della popolazione.
Quindi, necessitano metodi e tempi diversi, e ascolto del territorio e degli operatori del comparto.
Il contenuto finale dell’atto di diffida del Presidente Berlusconi, inviato al Presidente Bassolino, recita testualmente:
“In considerazione del fatto che il procedimento di verifica sopra richiamato, pur in presenza di nuovi elementi positivi rispetto a quanto rilevato nel mese di luglio, ha fatto emergere che la correzione dello scostamento all’epoca prospettato è insufficiente per garantire l’equilibrio nell’anno 2008, sono confermati i presupposti previsti dal richiamato articolo 4, comma 1, del decreto-legge 1 ottobre 2007, n. 159.
Pertanto si diffida la Regione Campania ad adottare nei termini prescritti dal citato decreto-legge tutti gli atti normativi, amministrativi organizzativi e gestionali, che in base a quanto riportato nel richiamato verbale allegato, risultino produttivi di effetti finanziari nel 2008 e idonei alla correzione strutturale della spesa per gli anni successivi” e fa definitivamente chiarezza”.
Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©