Politica / Regione

Commenta Stampa

Rita Raucci: “Il Pd è una sfida da vincere senza nostalgie”


Rita Raucci: “Il Pd è una sfida da vincere senza nostalgie”
19/10/2009, 16:10

«Costruire un’identità richiede coraggio, tenacia e tempo. La continuità pertanto, è un fattore fondamentale per dare seguito e maggior senso agli sforzi fatti in questi ultimi mesi». Sono le parole di Rita Raucci, consigliere comunale a Capodrise e candidata, nel collegio Caserta 1, come delegata all'assemblea nazionale del Partito democratico nella lista "Democratici con Dario Franceschini". «Il disegno di una prospettiva di forte coesione intorno ai valori centrali del partito – aggiunge la Raucci –, di prosecuzione di un lavoro di sintesi delle diverse posizioni va apprezzato e sostenuto, soprattutto nella misura in cui ciò si fa con rigore e spirito democratico, senza lasciarsi schiacciare dal peso delle storie di provenienza. Ci sono percorsi che vanno affrontati anche se scomodi: dopo tutto, il Pd nasce da una sfida e la coerenza impone, se ci si crede davvero, di alimentarla correttamente e senza spirito nostalgico. Una grande ambizione che dovrebbe essere accolta a livello locale come una buona occasione per liberarsi di quegli insani meccanismi che, nonostante i ripetuti tentativi camaleontici, continuano ad imbrigliare forti e nuove spinte politiche. Occorre – prosegue la Raucci – affrancare la politica dalla diffusa percezione negativa, ma non perché banalmente ci sia bisogno di rinnovamento (per il numero di volte che lo si è ripetuto in questi anni nessuno ci crede più), ma perché non è più sostenibile una funzione che si distacchi dalla gente e chiuda significativamente all’esterno per nutrire attenzioni molto spesso non attinenti alla collettività. Lo sforzo da compiere richiede percorsi e donne e uomini concreti che, seppure con fatica, tentino prioritariamente di minimizzare le attuali distanze dai cittadini, cercando al contempo di rappresentare il più fedelmente possibile le loro istanze. In tale contesto – conclude Rita Raucci –, di queste esigenze ed aspirazioni Franceschini si pone come forte ed autentico interprete».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©