Politica / Regione

Commenta Stampa

Rivellini (An), "io sto con Velardi, e contro le baronie"


Rivellini (An), 'io sto con Velardi, e contro le baronie'
23/02/2009, 21:02

Il Presidente del Gruppo di AN in Consiglio Regionale Enzo Rivellini ha rilasciato la seguente dichiarazione: «Credo che questa volta Claudio Velardi abbia ragione ed anzi sta finalmente scoperchiando con la sua polemica quei simulacri culturali che bloccano la crescita della nostra città.
Affermare che esiste una rete di intoccabili e di baronie che pretendono per diritto divino di decidere sulla sorte di Napoli è ciò che la Destra denuncia da tempo senza che le sia stato mai dato molto ascolto.
Velardi oggi viene colpito da “fuoco amico” perché questo atteggiamento dell’intellighenzia napoletana è stato alimentato da una sinistra che pur di arrivare al salotto buono ha venduto l’anima al diavolo ed oggi si ritrova criticata dagli stessi che ha sempre favorito ed assecondato.
Sia chiaro: non mi permetto di criticare l’artista Roberto De Simone, ma il sistema che blocca il ricambio non solo generazionale ma anche culturale. Poteva il maestro De Simone criticare l’organizzazione ed il livello culturale della manifestazione di cui si parla in questi giorni, ma penso sia sbagliato pretendere di essere l’unico a gestirla.
Faccio queste considerazioni naturalmente alla luce di quanto finora emerso sulla stampa.
Ne ho discusso con l’assessore Velardi ed Antonio Galdo, giornalista e scrittore, ed intendo organizzare un incontro pubblico per le prossime settimane che affronti questa problematica e dia voce ai tanti esponenti culturali a vario titolo “ghettizzati” nella nostra città.
Desidero invitare all’incontro personalità come Luca De Fusco, attuale direttore del teatro Veneto unito, Ruggiero Cappuccio, regista, Gennaro Matino, scrittore, Paolo Isotta, musicista, ed altri insieme a Velardi e Galdo.
Chiederò loro un contributo “fuori dai denti” che finalmente faccia luce sulle baronie napoletane che bloccano la città».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©