Politica / Parlamento

Commenta Stampa

RIVELLINI: CARDINALE CRESCENZIO SEPE UNICO PUNTO RIFERIMENTO PER NAPOLI E CAMPANIA


RIVELLINI: CARDINALE CRESCENZIO SEPE UNICO PUNTO RIFERIMENTO PER NAPOLI E CAMPANIA
15/12/2008, 16:12

Il Presidente del Gruppo di AN in Consiglio Regionale Enzo Rivellini, intervenendo stamani in aula all’incontro con il Cardinale di Napoli Crescenzio Sepe, ha affermato: «Eminenza Reverendissima, mi permetta di porgerLe a nome mio personale e del gruppo politico che ho l’onore di rappresentare nel Consiglio Regionale della Campania i più deferenti auguri di Buon Natale e Buon 2009.

È significativa la sua visita in prossimità del Santo Natale ed in questo difficile momento storico che caratterizza la nostra città e la nostra regione riteniamo che la Sua autorevole figura rappresenti non solo la guida spirituale della nostra Comunità ma anche uno dei pochi punti di riferimento per i napoletani ed i campani.

Alla sfiducia verso il ceto politico governativo di questa città e di questa regione, sempre più autoreferenziali e sempre meno rappresentativi delle istanze popolari, si contrappone oggi la Sua figura che è diventata l’unica guida per la Comunità campana.

Napoli Nobilissima, Napoli capitale della Magna Grecia, non ha mai attraversato nella sua millenaria storia una crisi morale, sociale, spirituale ed economica così grave come quella attuale. E si è aperto un solco profondo tra popolo e classe dirigente.

Ella, oggi, anche con il nostro apporto può contribuire a ridare fiducia ed a colmare questa spaccatura riavvicinando i cittadini alle Istituzioni.L’apporto della Chiesa e della Curia Arcivescovile di Napoli in questo momento sono strategici, non solo per noi Comunità cattolica, ma per tutti i cittadini della nostra regione.Sono certo che vorrà raccogliere questo nostro appello, anche perché molte delle Sue iniziative sono state intraprese nell’ottica del riscatto e della speranza.

Noi siamo pronti a fare la nostra parte, sotto la Sua guida spirituale ed al fianco della Curia di Napoli, che ha coraggiosamente intrapreso il percorso dell’orgoglio identitario e dello spirito di comunità per restituire a Napoli ed alla Campania il ruolo e la funzione che meritano.Per questo motivo, prendiamo a prestito le sue parole più significative: “A maronn t’accumpagn…” certi che sulla strada del risveglio della comune coscienza Ella non si ritroverà da solo, ma potrà contare sull’appoggio convinto di tutti».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©