Politica / Napoli

Commenta Stampa

L’europarlamentare a Caldoro: “Persico va sostituito”

Rivellini denuncia “parentopoli” al Policlinico Federico II


.

Rivellini denuncia “parentopoli” al Policlinico Federico II
03/09/2012, 15:42

NAPOLI - Aria nuova al Policlinico Federico II e nuove forze per ridare vita all'azienda universitaria. Lo chiede al governatore della Regione Campania Stefano Caldoro, l'europarlamentare e presidente dell'associazione Mezzogiorno di Fuoco, Enzo Rivellini.

Una richiesta la sua, supportata da una forte denuncia di presunta “parentopoli": i riflettori sono puntati su 114 specialisti ambulatoriali, tutti confermati dal direttore generale Giovanni Persico.

"Scorrendo l'elenco dei 114 - denuncia Rivellini- si nota che i cognomi sono tutti conosciuti in ambito sanitario. Il sospetto è che siano figli e parenti di primari e professori universitari. Tra l’altro il professor Persico  non riesce a sostituire le centinaia e centinaia di para-medici ed infermieri pensionati, deceduti o dimissionari, ma riesce a trovare le risorse per rinnovare tutti i 114. Negli ultimi anni si è risparmiato su tutto, ma su alcuni capitoli di spesa stranamente non c’è stato neanche un taglio”.

Ma non è tutto: il punto di domanda, a sentire l'europarlamentare, sorge spontaneo anche per il criterio di selezione utilizzato.

Al Sumai esiste una graduatoria dove attingere per le esigenze straordinarie e in tale categoria rientrano gli specialisti. Dunque se viene richiesta una specifica qualità, cosa ovviamente legittima, può capitare che si scelga il professionista. Per Rivellini, però, questo al Policlinico Federico II  è una cosa che accade con troppa frequenza.

“Nello scorrere l'elenco si nota che non c’è alcun Gennaro Esposito, figlio di N.N. – dice – ma anzi ci sono tutti ecellenti baronie della nostra Regione”.

Ecco perché l’europarlamentare interpella il numero uno di Santa Lucia: “Conosco e stimo il presidente Caldoro e sono certo che tutte le maldicenze su una sua eventuale titubanza nei confronti delle lobby universitarie ed economiche non sia reale. Chiedo perciò, che proceda immediatamente alla sostituzione di Persico. C’è  - continua Rivellini – chi sospetta che l’importanza ed il peso politico degli eminenti professori universitari, presenti anche nella giunta regionale condizionino le scelte di Caldoro. Ecco perché lo invito ad eliminare eventuali conflitti di interesse”.

L’appello, poi, Rivellini lo rivolge anche a Persico: “ E’ un ottimo chirurgo, ed ha tutta la mia stima, ma a mio modesto parere in un momento come questo è in palese conflitto di interesse  a gestire in un momento di crisi l’Azienda Policlinico Federico II. Chiedo al professore di tenere fede alla sua riconosciuta integrità – conclude l’europarlamentare – e di rassegnare le dimissioni ad horas”.  

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©