Politica / Politica

Commenta Stampa

Rivellini: Interrogazione all'Ue su Expo 2015 che Milano riserva solo ai "Lumbard"


Rivellini: Interrogazione all'Ue su Expo 2015 che Milano riserva solo ai 'Lumbard'
03/07/2012, 15:07

L’europarlamentare Enzo Rivellini (Ppe/Mezzogiorno di Fuoco) ha rilasciato la seguente dichiarazione: «Con il collega europarlamentare Salatto abbiamo presentato nelle scorse settimane un’interrogazione alla Commissione Europea in relazione all’organizzazione dell’Expo 2015 che si terrà a Milano. In particolare, nell’interrogazione chiedevano spiegazioni circa la presunta violazione delle norme comunitarie sulla libera concorrenza.
Nell'ambito della kermesse, infatti, è stato promosso un concorso internazionale di idee per la progettazione e la realizzazione di strutture di servizio a supporto dell'area espositiva, il cui bando prevede la valutazione delle proposte in base ad un disciplinare di concorso che assegna, a parità di condizioni, un punteggio superiore al concorrente il cui progetto presenti l'utilizzo di materiali con provenienza geografica entro i 350 chilometri dal capoluogo lombardo, motivando tale limite con la necessità di salvaguardare l'ambiente.
Nella risposta la Commissione conferma di aver ricevuto una denuncia da una cittadina italiana concernente, tra l'altro, une presunta violazione delle norme UE sugli appalti pubblici nella gara d'appalto per la progettazione delle strutture di servizio di Expo 2015. La stessa Commissione sta ora esaminando in che misura si potrebbe configurare una violazione dei principi UE del trattato. I servizi della Commissione si metteranno in contatto con le autorità italiane competenti al fine di raccogliere tutte le informazioni disponibili. È molto importante che un evento di portata internazionale come l’Expo 2015 rispetti nella sua fase organizzativa e gestionale le norme europee e non venga violata la libera concorrenza. L'Expo 2015 è dell'Italia e dell'Europa e non solo dei "Lumbard" e se vogliono fare un Expo leghista è giusto che intervenga l'Europa a sanzionarli».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©