Politica / Regione

Commenta Stampa

Rivellini: "La Campania di Caldoro deve ripartire dalla sanità"


Rivellini: 'La Campania di Caldoro deve ripartire dalla sanità'
03/02/2010, 16:02


NAPOLI - L’europarlamentare del Pdl-Ppe Enzo Rivellini ha rilasciato la seguente dichiarazione: «Dopo l’ennesimo scandalo nella sanità campana e dopo le mie continue visite presso gli ospedali della regione, l’ultimo lunedì scorso al Santa Maria della Grazie (La Schiana di Pozzuoli), credo che non ci sia altra strada per Stefano Caldoro e per la nuova Campania se non ripartire dalla sana sanità.
La sanità oggi blocca lo sviluppo dell’intera regione e ricordiamo che per i prossimi 30 anni saremo i cittadini più tassati d’Italia per coprire il buco economico creato da questo settore, oltre a non ricevere idonee prestazioni di assistenza.
Proprio per questo motivo fra qualche giorno l’associazione che insieme a tanti professori universitari, medici ospedalieri, medici di base, liberi professionisti ho promosso, “Sana Sanità”, presenterà il “libro bianco” di tutte le eccellenze della regione che abbiamo personalmente visitato in modo che i pazienti possano avere, con questa sorta di guida michelin della buona sanità, dei punti di riferimento su dove e come farsi curare, senza obbligatoriamente andare in altre regioni o all’estero e mortificando le nostre tante eccellenze penalizzate dalla cattiva politica e gestione.
Premieremo anche i “Top 100” (i migliori medici della Regione) e consegneremo il materiale di tutte le nostre visite. Assegneremo inoltre il premio “Medico dell’anno” ed auspichiamo che Stefano Caldoro, che nei giorno scorsi è partito col piede giusto annunciando un “calcio nel sedere” ai manager politicizzati ed incapaci, possa prendere spunto da questa iniziativa.
Sia chiaro: la salute non è né di destra, né di sinistra, né di centro e gli errori dei vari Montemarano, Santangelo, ecc. non dovremo ripeterli. Quindi cultura dell’accoglienza ai tecnici bravi anche se non del nostro schieramento politico, ma niente sconti per coloro che in sanità in questi anni si sono contraddistinti solo per la capacità di saltare di volta in volta sul carro del vincitore. I tecnici (professori universitari, medici, professionisti, ecc.) che stanno organizzando l’evento di Sana Sanità inviteranno sia il candidato sia di centrodestra sia quello di centrosinistra, o per meglio dire quelli del centrosinistra, perché la salute non ha colore politico».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©