Politica / Regione

Commenta Stampa

Rivellini (Pdl-Ppe): "bocciatura piano sanitario, ecco i nomi dei papabili nuovi manager"


Rivellini (Pdl-Ppe): 'bocciatura piano sanitario, ecco i nomi dei papabili nuovi manager'
17/06/2010, 13:06


NAPOLI - L’europarlamentare del Pdl-Ppe Enzo Rivellini ha rilasciato la seguente dichiarazione: «La notizia della bocciatura del piano sanitario era nell’aria da qualche giorno e naturalmente non fa che peggiorare la già grave situazione del comparto in Campania. L’incapacità della vecchia e della nuova gestione regionale di affrontare una volta per tutte ed in maniera chiara e costruttiva l’emergenza sanità sta scoppiando nel modo più fragoroso. Assistiamo, tra pesanti eredità lasciate dal centrosinistra e battaglie per un “posto al sole” nella gestione della nuova giunta, ripeto gestione e non programmazione, al fallimento totale del comparto. Il piano sanitario, che anche secondo quanto affermato dal governatore Caldoro è stato bocciato, ha prodotto fino ad oggi un unico risultato: lo scontento generale delle Comunità e degli operatori. In questo quadro, l’idea dei commissari liquidatori come nuovi direttori generali che gestiranno le nuove aziende sanitarie costituite artatamente è una notizia da far rabbrividire.
Ma a questi signori l’operazione Usl di una ventina di anni fa non ha insegnato nulla ? Infatti ad oggi, a tanti anni di distanza, ci sono ancora situazioni delle vecchie Usl e strascichi drammatici di aziende locali fallite per aver atteso invano il pagamento delle proprie spettanze. Dopo l’emergenza dei dipendenti pubblici delle Asl vogliamo anche l’emergenza delle strutture private convenzionate col sistema sanitario regionale?
In questo quadro trapelano poi i nuovi nomi dei manager: Di Minno ritornerebbe all’Asl Na 1 dopo aver fatto naturalmente il “salto della quaglia” da sinistra a destra sponsorizzato dalla lobby dei baroni universitari che non si perdono un’amministrazione regionale di qualsiasi colore politico si tratti. Si parla, inoltre, di Bottino all’Asl di Caserta e del sub-commissario Zuccatelli che vista la bocciatura del piano sanitario andrebbe a ricoprire la carica di nuovo direttore generale del Monaldi. In questo contesto l’unico penalizzato è il “povero” Montemarano…vuoi vedere che non è nel novero dei nuovi manager perché la giunta di centrodestra non apprezza che il figlio stia per lasciare o abbia già lasciato il Pd ? Comunque rassicuro il dottor Montemarano: c’è ancora spazio tra Soresa ed altre Asl per chi viene dal centrosinistra…».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©