Politica / Regione

Commenta Stampa

Rivellini (Ppe): "è giunto momento di verificare sistema sanitario e Lea in Campania"


Rivellini (Ppe): 'è giunto momento di verificare sistema sanitario e Lea in Campania'
29/08/2011, 15:08

L’europarlamentare del Ppe Enzo Rivellini ha rilasciato la seguente dichiarazione: «Dopo un breve periodo di attesa riconosciuto al Commissario alla Sanità Caldoro ed ai sub-commissari Morlacco e Coppola per dar loro modo di impostare il lavoro della nuova amministrazione, è arrivato il momento di sollecitare in maniera propositiva i vertici regionali.

Questo anche perché di qui a breve saranno effettuate le nomine del nuovo management sanitario ed occorre verificare non solo il rigore economico nella gestione di Asl ed ospedali ma anche l’attuazione dei LEA (Livelli Essenziali Assistenza).

Per tale ragione tra pochi giorni, con cadenza settimanale, in apposite conferenze stampa, presenterò ai media ed all’opinione pubblica gli scandali e le disfunzioni che ho avuto modo di verificare anche nel mese di agosto.


I risultati delle mie iniziative ovviamente saranno anche all’attenzione dello stesso governatore Caldoro e dei sub commissari alla sanità Morlacco e Coppola. Copia delle mie denunce sarà inoltrata alla Corte dei Conti.

Alcuni degli argomenti al centro delle mie iniziative saranno i seguenti:
1) Lo scandalo dei Policlinici universitari che nel mese di agosto a fronte di un solo posto letto occupato hanno utilizzato oltre 50 tra medici primari, assistenti, specializzandi, infermieri, ecc.;

2) Lo scandalo dell’Istituto Pascale che da sé certifica di essere statisticamente tra i peggiori IRCSS nazionali;

3) Lo scandalo dell’ospedale Capilupi di Capri dove una nobildonna ha ritirato una donazione di 2 milioni di euro circa (destinati all’ampliamento della struttura) alla luce dei ritardi nell’avvio dei lavori;

4) Lo scandalo dell’Ospedale del Mare, grande opera di edilizia sanitaria incompiuta ormai vero pozzo di petrolio per le aziende appaltatrici;

5) Lo scandalo dell’ospedale San Paolo dove nel mese di agosto alcuni medici hanno percepito circa 750 euro lordi al giorno (circa 500 netti) probabilmente per disfunzioni organizzative e di controllo;

6) Lo scandalo di quasi tutte le strutture sanitarie regionali dove alcuni medici da anni percepiscono benefit a cui non hanno diritto;

7) Lo scandalo del I Policlinico dove si sprecano somme ingenti per i parcheggi mentre l’assistenza è deficitaria;

8) Lo scandalo dell’ospedale Incurabili dove chi deve effettuare una TAC neurologica deve sperare che il traffico cittadino non sia caotico se vuole avere il referto.


Tutte queste sono solo alcune delle questioni che settimanalmente, con documenti correlati, sottoporrò all’attenzione della stampa e dei vertici della sanità regionale, oltre che della magistratura contabile. Ovviamente l’obiettivo è migliorare l’assistenza ed affrontare le questioni di malcostume ed inefficienza del settore».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©