Politica / Regione

Commenta Stampa

Rivellini, un urlo da Napoli: De Magistris ci fa ridere


Rivellini, un urlo da Napoli: De Magistris ci fa ridere
05/06/2013, 10:46

L’europarlamentare Enzo Rivellini (Pdl/Ppe) ha diffuso la seguente nota: «Napoli è in condizioni pietose, la crisi sociale ed economica, oltre che morale e civile, getta ormai un velo di tristezza sull’intera città. Ma la rabbia dei napoletani per la scarsa qualità della vita, i trasporti pessimi, la sporcizia, il degrado e le tasse più alte d’Italia viene compensata da quel “simpaticone” di Luigi De Magistris che, incapace di svolgere il proprio ruolo di Sindaco, ha escogitato un ingegnoso sistema per sconfiggere la tristezza dei cittadini:

1) Le strade sono impraticabili ? Lui non le aggiusta ma fa una comica pista ciclabile, così anche se non si circola la si guarda e ci si fa una bella risata;

2) La città non ha un piano per i rifiuti e i napoletani si incazzano perché pagano tributi altissimi ? Lui li esporta a caro prezzo agli olandesi così quando si vedono partire le navi ci si fa una bella risata (ovviamente amara);

3) Non c’è turismo, le Ztl uccidono il commercio, il lungomare liberato è solo il trionfo dell’illegalità e delle peggiori sagre di Paese con clandestini, paninari e caos ? Il Sindaco organizza una pseudo Coppa America così i napoletani si fanno una bella risata divertendosi con le barchette.

Ma la grande, straordinaria trovata, tanto che negli ospedali ci sono decine di ricoverati per aver riso a crepapelle, è quella che nel pieno della crisi politica della sua amministrazione, il Sindaco nell’annunciare in Consiglio Comunale la nuova giunta e il programma dei prossimi anni ha ordinato ai napoletani di usare skateboard, risciò e monopattini. L’unica nota stonata ? Alcuni si sono proprio arrabbiati perché avevano già acquistato il pedalò per navigare nel golfo ed evitare le Ztl, ma poiché non è nel programma della mobilità del simpaticone De Magistris non lo potranno usare. Non c’è dubbio insomma: Giggino ormai è più comico di Franco e Ciccio».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©