Politica / Regione

Commenta Stampa

Roma, conferenza stampa del progetto suCreatività Urbana per Napoli


Roma, conferenza stampa del progetto suCreatività Urbana per Napoli
28/02/2011, 10:02

 Riqualificare la zona orientale di Napoli con la Creatività Urbana e il vivo coinvolgimento di centinaia di giovani locali. Nasce con quest’obbiettivo il progetto CUNTO Creatività Urbana Napoli Territorio Orientale, ideato e realizzato da INWARD col sostegno della Fondazione Vodafone Italia ed il patrocinio del Ministro della Gioventù, che sarà presentato a Roma mercoledì 2 marzo alle 11 e 45 nella sede nazionale dell’Ordine dei Giornalisti (Via Parigi 11).

La conferenza stampa sarà moderata dal Presidente dell’Ordine Nazionale dei Giornalisti Enzo Iacopino. Alla presentazione di azioni e numeri del progetto del direttore di INWARD Luca Borriello, seguiranno gli interventi del Direttore del Dipartimento di Comunicazione e Ricerca sociale dell'Università degli Studi di Roma “La Sapienza” Mario Morcellini e del Presidente della Fondazione Vodafone Italia Antonio Bernardi. Conclude il Ministro della Gioventù Giorgia Meloni.

Il progetto CUNTO, prodotto grazie al supporto delle istituzioni locali e dei principali player dell’economia e del sociale del territorio, è il primo di questo genere a livello internazionale e sarà realizzato in tre quartieri “difficili” di Napoli. La sperimentazione vedrà la nascita del primo Centro Territoriale per la Creatività Urbana d'Italia, istituito nell’area orientale di Napoli in una stazione dell'azienda di trasporto pubblico Circumvesuviana, che valorizzerà la creatività urbana – graffiti, writing, murales, street art e urban design agiti nella legalità – come progetto di utilità sociale, per vitalizzare culturalmente il coinvolgimento dei giovani locali e per produrre una ricerca scientifica inedita per il lancio di un Centro Studi dedicato. CUNTO coinvolgerà un territorio che oggi si trova a scommettere tra un presente fatto di degrado ed un futuro che vedrà nei prossimi anni un'ampia trasformazione urbanistica e la ripresa di un'area al centro di investimenti imprenditoriali, già previsti per oltre 2 miliardi e mezzo, con ricadute occupazionali per circa 17 mila persone l’anno.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©