Politica / Politica

Commenta Stampa

Autisti-controllori e verificatori in borghese

Roma: il sindaco Marino dichiara guerra ai "portoghesi"


Roma: il sindaco Marino dichiara guerra ai 'portoghesi'
11/01/2014, 11:14

ROMA - Il sindaco di Roma Ignazio Marino ha annunciato la sua intenzione di dichiarare guerra a coloro che, nella Capitale, prendono l'autobus senza pagare il biglietto. Secondo le statistiche, sono tanti a farlo: in un anno l'Atac (cioè la societè capitolina che gestisce il trasporto pubblico cittadino) perchè circa 100 milioni, a causa dei "portoghesi". 
La prima misura sarà l'obbligo per i passeggeri di salire davanti e far controllare il biglietto all'autista. Una idea non nuova, dato che è quello che avviene normalmente in Inghilterra o negli Usa; ma non per questo meno efficace. A questo si aggiungerà lo spostamento dei dipendenti amministrativi dell'Atac in esubero al lavoro di verificatori sul campo. Dopo un breve corso di aggiornamento, queste persone si affiancheranno ai 70 verificatori presenti in organico, lavorando in borghese, in modo da avvicinare chi non paga il biglietto senza problemi.
Un biglietto che sarà poi acquistabile più facilmente di adesso, anche con l'uso dello smartphone, in modo che non si potrà più dire di non averlo potuto acquistare.  

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©