Politica / Regione

Commenta Stampa

Roma: incidente sul lavoro presso società non in regola


Roma: incidente sul lavoro presso società non in regola
16/05/2010, 17:05

“Stamane un cittadino anziano è caduto all’interno di una grossa buca di un cantiere, presumibilmente dell’ACEA, non in regola ed è stato trasportato all’ospedale San Camillo ove si trova in codice giallo”, così dichiara in una nota Augusto Santori, consigliere del PDL del Municipio XV, intervenuto sul posto assieme al consigliere municipale dell’UDC Vittorio Gualtieri.
“Sul posto sono intervenuti prontamente, oltre ad un’ambulanza del 118, i Carabinieri e il XV Gruppo della Polizia Municipale – prosegue la nota di Santori e Gualtieri – che avrebbero rilevato alcune irregolarità nel cantiere che, ad ora ma è ancora in piena fase di svolgimento l’attività di indagine, non risulterebbe neanche essere stato formalmente segnalato, come previsto dalle procedure, all’ufficio tecnico del Municipio XV. In particolare il cantiere in oggetto, giacente tra Piazza Lorenzini e Via Statella al quartiere Portuense, si trova a cavallo tra l’asse stradale, proprio a ridosso delle strisce pedonali parzialmente ricoperte, e il marciapiede, che coprirebbe per intero. In base al codice della strada il cantiere risulta certamente al di fuori delle norme previste in termini di tutela della sicurezza stradale, mancando di segnaletica verticale e di lampeggiante, nonché carente di palanche sul lato della strada”.
“Si ipotizza, ma sono in corso le indagini da parte degli agenti della Polizia Municipale, che qualcuno possa avere manomesso in orario notturno, per non precisate ragioni, le transenne che si trovavano sul lato del marciapiede, di fatto impedendo al cittadino malcapitato di poter far caso all’enorme buca che si trovava nei pressi”, insiste la nota.
“Occorre rafforzare – concludono Santori e Gualtieri – i controlli sui cantieri delle società di servizi, le quali spesso tenderebbero a muoversi in maniera troppo poco rispettosa delle ordinanze sindacali, sia in termini di rispetto di tutte le procedure di sicurezza stradale e dei pedoni, sia per quel che concerne il rifacimento del manto una volta terminati i lavori. Su questo serve maggiore vigilanza dei Municipi cui bisognerà garantire entro breve un maggior numero di dipendenti per gli uffici tecnici”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©