Politica / Regione

Commenta Stampa

Il Presidente Romano: basta spettacolo degli sprechi

Romano (Pdl): "Ospedali che funzionano e risposte serie e certe ai territori"


Romano (Pdl): 'Ospedali che funzionano e risposte serie e certe ai territori'
21/05/2010, 16:05

NAPOLI. “Paghiamo un leasing di 1milione e 800mila euro l’anno per l’acquisto del Palazzo del Consiglio, ben 21 piani della Torre F13 ma spendiamo oltre 2 milioni di euro l’anno per tenere in fitto solo alcuni piani della Torre F8. E’ una cosa che non comprendo, sono errori che certamente io non commetterò”. Così il presidente del Consiglio Regionale della Campania Paolo Romano nel corso di un’intervista rilasciata alla trasmissione televisiva “Speciale A Occhi Aperti” condotta da Samuele Ciambriello, che andrà in onda domani, sabato 22 maggio 2010, alle ore 20,00 ed in replica alle 23,30 sull’emittente televisiva regionale Canale 21. Un’intervista ampia sui temi delle politiche dello sviluppo, sul ruolo dell’assemblea legislativa regionale ed anche sulle polemiche di questi giorni. Come quella sollevata dal consigliere regionale casertano del suo partito, il Pdl, Angelo Polverino, che gli ha contestato la posizione assunta sull’ipotesi di razionalizzazione della rete ospedaliera in fase di elaborazione dalla giunta Caldoro. “Ho detto e ribadisco  - ha rimarcato Romano - che vanno chiuse e riconvertite quelle strutture ospedaliere delle quali non c’è nessuna necessità. Il che non comporta nessuna penalizzazione per chi vi lavora. I cittadini non chiedono ospedali sotto casa, chiedono ospedali che funzionano”. Poi, un richiesto giudizio sulla Presidente uscente Sandra Lonardo. “Il mio  - afferma Romano - è un giudizio positivo. S’è impegnata tantissimo per mettere in risalto il ruolo e il lavoro del Consiglio ma se c’è qualcosa che posso addebitarle è che, se molti atti sono stati approvati, tanti di questi non hanno avuto attuazione o comunque seguito”. Su Bassolino: “Il giudizio  - dice - l’hanno dato gli elettori”. Poi le polemiche interne al Pdl sulla formazione della giunta Caldoro “Non le condivido: i territori e i cittadini  - ha sottolineato Romano - vogliono risposte, non poltrone. I territori hanno ragione a rivendicare risposte giuste ai loro problemi che è cosa diversa dalla rivendicazione di posti di potere o di genere. Abbiamo visto nel recente passato territori ben rappresentati in giunta ma rimasti comunque senza risposte concrete ai loro problemi”. Tra le prime iniziative annunciate a Canale 21, la visita al Carcere di Santa Maria Capua Vetere e l’utilizzo di una parte dei fondi di rappresentanza della Presidenza per iniziative di solidarietà.

Il Presidente del Consiglio Regionale della Campania, onorevole Paolo Romano, ha inoltre presenziato questa mattina, presso la Caserma “Oreste Salomone” di Capua (Ce), sede del Raggruppamento Unità Addestrative dell’Esercito (RUA), alla cerimonia di giuramento di fedeltà alla Repubblica Italiana dei volontari in ferma prefissata di un anno (VFP1) del 1° blocco 2010 appartenenti ai dipendenti reggimenti di addestramento volontari 17° “Aqui” e 47° “Ferrara”.
Particolare apprezzamento è stato espresso dal presidente Paolo Romano a margine della cerimonia, per l’intervento del Generale Attilio Claudio Borreca, massima autorità del Raggruppamento Unità Addestrative dell’Esercito, che, ha detto Romano, “rinviando alle alte idealità del dovere, del sacrificio, del coraggio e dello spirito di abnegazione che i nostri militari profondono in ogni circostanza in cui sono chiamati ad operare, costituiscono un modello di riferimento alto e nobile non solo per i nostri giovani militari ma, direi, per i cittadini tutti”. “Valori condivisibili e condivisi - ha aggiunto Romano - che hanno reso al nostro Paese, oggi impegnato in diverse e delicate missioni di pace, il convinto apprezzamento dei nostri alleati”.
Il presidente Romano ha poi successivamente incontrato, presso la sede vescovile di Via del Redentore a Caserta, il Vescovo di Caserta Monsignor Pietro Farina.
“E’ stato in incontro particolarmente intenso – ha spiegato Romano – che mi ha dato peraltro la possibilità di rappresentare la particolare difficoltà di contesto in cui si trovano ad operare le istituzioni regionali e la necessità di dover affrontare la legislatura all’insegna della sobrietà e del rigore ma senza mai distrarre lo sguardo dai bisogni dei nostri cittadini e, dunque, con particolare spirito di solidarietà verso chi è più sfortunato”.

Commenta Stampa
di Francesco Fabozzi
Riproduzione riservata ©