Politica / Regione

Commenta Stampa

Ronghi, Trasporti: gravi responsabilità del comune di napoli


Ronghi, Trasporti: gravi responsabilità del comune di napoli
25/03/2011, 11:03

NAPOLI, 25 MARZO 2011 – “Solidarietà e sostegno ai lavoratori del settore del trasporto pubblico della Campania” è stata espressa da Salvatore Ronghi, già vice presidente del Consiglio Regionale della Campania e, per anni, sindacalista della Cisnal, prima, e della Ugl, poi, degli autoferrotranvieri napoletani e nazionali.

Nell’intervenire sulla situazione di crisi dei trasporti, che sta mettendo a rischio il futuro dei dipendenti delle aziende di trasporto pubblico, Ronghi si rivolge all’assessore Vetrella: “non si possono scaricare su lavoratori, già esasperati da condizioni di lavoro impossibili e dalla incertezza del futuro, le responsabilità del Comune di Napoli, artefice del disastro finanziario delle aziende da esso partecipate, e dell’intero Consiglio comunale, che, con il suo silenzio, è stato connivente nel disastro, i tagli dei governi nazionale e regionale e la mancanza di chiarezza sulla politica dei trasporti nel nostro territorio”.

Ronghi ha anche espresso “solidarietà al presidente dell’Azienda napoletana mobilità, Antonio Simeone, il quale – ha sottolineato –, a differenza di Vetrella, conosce e comprende le difficoltà di lavoratori e, da tempo, ha lanciato appelli alle istituzioni, rimasti inascoltati, per scongiurare la crisi del settore che è esplosa e che si vorrebbe consumare sulla pelle dei lavoratori”.

“Il disastro dei trasporti e dell’Anm in Campania ha un nome preciso: il Comune di Napoli che, anche in questo settore, ha dimostrato incapacità e inefficienza provocando una voragine nei bilanci delle aziende partecipate. Anche per questo – conclude Ronghi – chiedo a tutti i cittadini della Campania di dare, alle prossime elezioni, una svolta definitiva nella nostra città”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©