Politica / Politica

Commenta Stampa

Rutelli ad Acerra per Lettieri sindaco


Rutelli ad Acerra per Lettieri sindaco
03/05/2012, 12:05

Il presidente dell’Api, Francesco Rutelli, rilancia da Acerra il progetto del Grande Centro. «Da Acerra parte una grande sfida per la costruzione di una forza di Centro, una forza dei moderati italiani - ha detto Francesco Rutelli -. Intorno al nostro candidato sindaco Raffaele Lettieri abbiamo costruito un progetto rendendo possibile un’alleanza che oltre all’Api, all’Udc ed a Fli vede anche Verdi, Psi e liste civiche a conferma che questa è una strada possibile anche altrove. E con la vittoria di Raffaele Lettieri, che avvertiamo sempre più certa, siamo certi che l’esperienza politica ed amministrativa di Acerra sia di riferimento per l’area metropolitana di Napoli e del resto della Campania».

Rutelli è intervenuto anche sulle liste pulite e le intimidazioni ad alcuni candidati. «Noi siamo molto sereni, abbiamo apprezzato l’incontro chiesto da Raffaele Lettieri al Prefetto De Martino e la mia presenza qui è anche per garantire la vicinanza del partito al nostro candidato sindaco ed a tutti i nostri candidati».

«Avere al mio fianco, al nostro fianco in questa battaglia elettorale, l'uomo che ha guidato la Capitale - ha detto il candidato a sindaco di Acerra Raffaele Lettieri - che con il suo impegno di sindaco ha saputo rifondare il più importante Comune d'Italia, è per me non solo motivo di stimolo ma anche di responsabilità. Noi qui ad Acerra stiamo sperimentando che il Grande Centro è possibile. Abbiamo creato un'alleanza, una coalizione che vede insieme Udc, Api, Fli, Socialisti, Verdi e civiche. La nostra, a differenza di altre alleanze che sembrano sempre di più vere e proprie compagnie di giro, è una coalizione nata sui programmi. Non un'alleanza a dispetto, non un modo come un altro per mettere insieme un po' di partiti e di liste civiche per vincere. No, presidente Rutelli, noi abbiamo costruito questo Grande Centro per governare, per cambiare Acerra, per dare finalmente un destino certo, definito a questa nostra città schiacciata da una linea ferroviaria sulla quale la Regione Campania dovrà subito modificare la decisione di far attraversare la città anche dalla Tav piuttosto di quanto già deciso dal Comune che aveva portato all'esterno la linea ferrovia dell'Alta Velocità, e dall'infelice rapporto con il termovalorizzatore».

Raffaele Lettieri ha poi aggiunto: «Tra i primi atti da compiere c’è l’intesa istituzionale per far rientrare ad Acerra gli oltre 2000 reperti archeologici recuperati sul nostro territorio, perché questo rappresenterebbe la vera svolta nel campo della programmazione culturale, sia in termini di eventi specifici, sia a sostegno della produzione culturale, artistica e creativa. Il secondo atto sarà un protocollo di intesa col Ministero della Sanità ed i laboratori accreditati perché si faccia una verifica dei parametri ambientali sui nostri prodotti agricoli. Solo così potremo puntare alla certificazione del nostro patrimonio agricolo per una competitiva commercializzazione dei prodotti».

Lettieri ha infine concluso il suo intervento con quanto farà per l’emergenza lavoro: «Non dimentico che il primo bisogno che hanno Acerra ed i suoi cittadini è creare lavoro: aumentare il reddito disponibile per tutte le famiglie incrementando consumi e domanda interna. Aiuta in questa direzione l’approvazione da parte del commissario prefettizio del nuovo strumento urbanistico del Puc che da un lato consentirà di creare le condizioni per un immediato sviluppo delle aree produttive, dall’altro permetterà un governo del territorio basato su servizi e tutela del centro storico e delle aree agricole di pregio. Vanno potenziati i servizi di occupabilità femminile, per fornire alle donne gli strumenti per un inserimento o un reinserimento nel mercato del lavoro. Altro impegno centrale è la valorizzazione delle risorse ed in particolare dei giovani professionisti locali».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©