Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Retromarcia dei governatori: niente riconsegna delle deleghe

Sì del Senato alla fiducia sulla manovra fiscale


Sì del Senato alla fiducia sulla manovra fiscale
15/07/2010, 12:07

ROMA - Nessuna novità, il Sneato approva la fiducia sulla manovra finanziaria, con 170 sì e 136 no. Come sempre, in questi casi, sono scattate le precettazioni di tutti i componenti della maggioranza che si sono fatti trovare presenti in blocco. Ora il provvedimento passa alla Camera dove dovrebbe essere calendarizzato entro una settimana ed approvato entro il 30 luglio, trattandosi della conversione di un decreto legge. Il Presidente del Consiglio ha già avvisato che non ci saranno modifiche perchè il testo è da ritenersi blindato e che verrà messa la fiducia anche alla Camera. Insomma discussioni zero anche lì e nessuna possibilità di migliorare una pessima legge.
Intanto clamoroso voltafaccia delle Regioni, che rinunciano all'atto della riconsegna delle deleghe, come avevano annunciato nei giorni scorsi, dopo che Cota e Zaia - rispettivamente Presidente del Piemonte e del Veneto - avevano detto che a loro la legge andava bene così. Infattio gli ultimi aggiustamenti hanno scariocato i costi della manovra finanziaria quasi interamente sul sud. Mentre in media un cittadino meridionale pagherà, per questa manovra, 229 euro a testa, il cittadino settentrionale ne pagherà quasi 100 di meno. Uno scarto che è stato ritenuto valido dai due esponentio della Lega Nord. Inoltre anche il Presidente della Lombardia, Roberto Formigoni, negli ultimi giorni si era staccato dal coro di proteste, come avevano fatto anche Renata Polverini - Governatrice del Lazio - e Stefano Caldoro, Governatore della Campania.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©