Politica / Regione

Commenta Stampa

Napoli. Manca il numero legale. La maggioranza non tiene

Salta il Consiglio sul bilancio: il centrosinistra latita


.

Salta il Consiglio sul bilancio: il centrosinistra latita
30/11/2009, 17:11

 NAPOLI - Il centrosinistra al Comune di Napoli non regge più. L’ennesima seduta consiliare è saltata per mancanza di numero legale. La maggioranza, in aula, non ha tenuto. Diverse assenze tra i banchi della coalizione di governo hanno impedito che venisse affrontata ed approvata la manovra di assestamento di bilancio.
La sindaca Rosa Russo Iervolino ha lasciato il Palazzo di via Verdi contrariata, accompagnata dallo staff e dal capogruppo del Pd, Giovanni Benincasa. Da via Verdi a palazzo “San Giacomo”. Pochi passi per esprimere tutta l’amarezza nei confronti dei partiti del centrosinistra. Il sindaco è stanco. Non riesce ad amministrare. Tra giunta e Consiglio si è creata una frattura. Un immobilismo che rallenta l’amministrazione e aggrava le condizioni di abbandono e degrado della città. La gente pretende risposte ai numerosi problemi da anni sul tappeto ma mai affrontati con serietà e decisione. L’esecutivo non rappresenta i partiti, gli assessori sono uomini del sindaco e non godono della fiducia dei consiglieri comunali, i quali, di frequente, fanno trasparire il malessere con assenze studiate a tavolino per bloccare i lavori, per impedire lo svolgimento del Consiglio. Proprio quello che è successo stamattina. Un gioco al massacro fatto di tattica e strategia che privilegia gli interessi di parte a quelli collettivi. Insomma, con una maggioranza risicata, il singolo, appena può, sfrutta la sua posizione determinante, rimarcandola agli occhi del sindaco con assenze sistematiche. Nei prossimi giorni proprio il primo cittadino avrà un faccia a faccia con alcuni consiglieri “dissidenti”. Intanto divampa la polemica politica. Nel video allegato all’articolo, le interviste al consigliere del Pd Mariano Anniciello ed a quello del Pdl Raffaele Ambrosino.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©