Politica / Politica

Commenta Stampa

Il Ministro dell'Interno va a fare propaganda pro Israele

Salvini in Israele: "Hezbollah terroristi". Il Ministero della Difesa preoccupato


Salvini in Israele: 'Hezbollah terroristi'. Il Ministero della Difesa preoccupato
12/12/2018, 09:39

TEL AVIV (ISRAELE) - Il Ministro dell'Interno Matteo Salvini è in Israele, per il tradizionale atto di vassallaggio che tutti i governi italiani vanno a fare al governo israeliano. Ma anche da lì crea problemi. Ieri infatti ha postato diversi tweet dove definisce "terroristi" gli uomini di Hezbollah, il movimento politico libanese che è al governo. Una scelta veramente pericolosa, considerando che l'esercito italiano è dal 2006 nella zona meridionale del Libano, per impedire all'esercito israeliano di invadere il sud del Paese confinante. Ma è pur sempre Libano e quindi territorio di Hezbollah. E il Ministro della Difesa, Elena Trenta, ha espresso preoccupazione per i nostri soldati che rischiano di essere i capri espiatori delle parole di Salvini. Che ha risposto ai giornalisti con assoluto menefreghismo: "Non parlatemi di Di Maio. Queste polemiche sono molto lontane. Nel mondo di Orwell le cose vengono definite al contrario. Se volete invece che terroristi li chiamo benefattori". 

In realtà, Salvini è lì semplicemente perchè Netanyahu vuole usare - come Trump e come Putin - il sovranismo di esponenti di destra e di estrema destra per spaccare l'Unione Europea ed impedire che diventi un ostacolo alle mire espansionistiche di Israele. Oggi Salvini sarà al Memoriale dell'Olocausto, dove si commemorano gli ebrei morti durante il nazismo (dei non ebrei in Israele non gliene frega niente a nessuno, evidentemente, ndr) e poi incontrerà il premier israeliano Benjamin Metanyahu a porte chiuse. Nel "Paese più democratico del Medioriente" non si può sapere di cosa parli il premier. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©