Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Sanatoria per le classi prtevidenziali a danno dei pensionati


Sanatoria per le classi prtevidenziali a danno dei pensionati
09/12/2013, 15:17

Sul piede di guerra i pensionati delle casse professionali per la cancellazione al Senato degli emendamenti alla legge di stabilità 2014 che, in pratica, riconoscevano l’illegittimità operata dalle casse negli anni passati. Ora, il testo del comma 333 del maxi emendamento governativo ( che sana l’operato illegittimo delle Casse) riprende, senza nessuna modifica, l’articolato originale approvato dal Consiglio dei ministri lo scorso 15 ottobre con effetti devastanti per i pensionati: rischiano infatti di dover restituire le somme percepite a seguito di sentenze favorevoli. Una vera e propria sanatoria per le Casse posto che la Corte di Cassazione, chiamata a pronunciarsi a seguito di centinaia di ricorsi dei pensionati a cui erano stati attribuiti un minor trattamento pensionistico, aveva respinto la tesi delle Casse, obbligandole quindi a ricalcolare legittimamente i trattamenti dovuti. Ma l’avv. Anna Campilii, esperta in diritto previdenziale, non ci sta e lancia un appello pressante ai parlamentari, perché si adoperino a cancellare la norma interpretativa che vorrebbe rendere legittimi tutti i provvedimenti adottati dalle casse professionali nel corso degli ultimi sedici anni. Ma oltre al danno anche la beffa. Lo Stato, oltre ad essere esposto a cause risarcitorie dinanzi alla corte europea dei diritti umani, dovrebbe infatti rimborsare le imposte incassate sulle pensioni liquidate dalla Magistratura in applicazione del principio cardine del cosiddetto “ pro rata “ che garantisce il rispetto del maturato economico e giuridico conseguito all’epoca di ogni singola riforma. 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©