Politica / Politica

Commenta Stampa

Sanità: Cortese (Pd); Annunziata, Regione decida

Condivido le preoccupazione del Sindaco di Napoli

Sanità: Cortese (Pd); Annunziata, Regione decida
11/06/2013, 14:37

“Seguo da tempo e quotidianamente le sorti dell’Ospedale Annunziata. Per questo, non posso che condividere le preoccupazioni avanzate a riguardo dal sindaco di Napoli. Proprio oggi la commissione regionale Trasparenza e Controllo ha incontrato il direttore generale della Asl Napoli 1 Ernesto Esposito, il quale ha confermato la propria disponibilità a ricomprendere l’Annunziata nell’ambito della Asl di sua competenza, a patto che ne restino intatte le funzioni”. Lo rende noto Angela Cortese, consigliere regionale del Pd, che continua: “Credo che sia giunto il momento da parte della Regione Campania di dire una parola di chiarezza su un ospedale che al grande pregio storico-architettonico affianca un’importante missione di assistenza in un quartiere già sofferente sul piano sociale e ambientale”.


“Da anni - prosegue Cortese -, mentre io e altri colleghi portavamo avanti la nostra battaglia in favore di questo presidio sanitario fondamentale per gli abitanti del centro storico, i vertici delle istituzioni sono stati immersi in un lungo letargo. Oggi, fatte salve le mozioni dei sentimenti e al di là della facile demagogia, abbiamo bisogno di una decisione che restituisca una prospettiva di vita all’Annunziata. Anche mantenendo la scelta del presidente Caldoro dell’accorpamento al Santobono-Pausilipon, va garantito a Forcella un centro territoriale di riferimento. Una cosa, insomma, è certa - conclude Il consigliere regionale del Pd -: è ora di uscire dall’interminabile fase del dibattito per passare finalmente all’azione, proiettando lo sguardo in avanti. L’Annunziata è un monumento che custodisce un pezzo importante della nostra storia e della nostra identità, ma non si può, per salvaguardare il passato, dimenticare che le esigenze di una popolazione già in difficoltà sul piano dell’assistenza sanitaria bussano alle nostre porte”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©