Politica / Parlamento

Commenta Stampa

SANITÀ, E. RUSSO: “SACCONI DÀ RAGIONE A PDL CAMPANO”


SANITÀ, E. RUSSO: “SACCONI DÀ RAGIONE A PDL CAMPANO”
13/10/2008, 17:10

 

“La dichiarazione del ministro del Welfare Maurizio Sacconi sui conti della sanità campana dà ragione al Pdl campano. Il disavanzo in questo settore è davvero arrivato ad un punto di non ritorno. Il fatto che il Governo abbia i dati reali sotto mano e non quelli comunicati dalla Giunta regionale al tavolo interministeriale, fa sì che si discuta di questioni concrete e su cifre attendibili”.
E’ quanto dichiara il consigliere regionale di Forza Italia-Pdl Ermanno Russo, presidente della Commissione speciale di controllo sulle Politiche giovanili, disagio sociale ed occupazione.
“La dichiarazione con cui il ministro Sacconi rende noto che, dopo l’Abruzzo e il Lazio, anche per la Campania si è costretti a valutare il commissariamento della sanità fa capire quanto drammatica sia la realtà finanziaria di questo settore – continua l’esponente azzurro. Alla luce di ciò, sembrano sempre più gravi i tentativi di certi assessori campani che, negli ultimi mesi, tornavano da Roma spavaldi e sicuri di poter superare qualunque esame sui conti. Se qualcuno crede di mettere le cose a posto con un’operazione di cosmesi finanziaria, si sbaglia. Il debito della sanità aumenta di ora in ora. Questo il Governo l’ha capito e siamo sicuri che, dopo l’emergenza rifiuti, il presidente Berlusconi saprà affrontare e risolvere anche quest’ennesimo sciagurato errore della sinistra”.
“Va però detto – evidenzia Ermanno Russo – che se il crac della sanità, in tutte le sue forme, è venuto alla luce, lo si deve principalmente all’azione di denuncia dell’opposizione in Consiglio regionale, del Pdl che ha esercitato al meglio la propria funzione di controllo e smascherato il tentativo velleitario da parte del centrosinistra di far passare per tranquilla una situazione finanziaria disastrata e fortemente critica”.
“Ora – conclude l’esponente azzurro – dai gruppi di maggioranza provengono richieste di dialogo per addivenire ad una soluzione bipartisan del problema. Appare chiaro che non si può in alcun modo collaborare con chi ha distrutto la stabilità economica dei cittadini campani, riducendo la sanità ad un mero bacino di clientele”. 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©