Politica / Regione

Commenta Stampa

Sanità, intesa struttura commissariale - forze sociali su problematiche Asl Na 1


Sanità, intesa struttura commissariale - forze sociali su problematiche Asl Na 1
12/01/2012, 17:01

Si è svolto oggi presso la Struttura del Commissariato alla Sanità l’incontro con le forze sociali sui temi legati alla rete dell’emergenza, alle liste d’attesa e al piano dei pagamenti.

La riunione ha fatto seguito all’impegno assunto dal presidente Caldoro il 9 gennaio scorso nel corso del Tavolo Sanità.

Erano presenti i sub commissari Mario Morlacco e Achille Coppola, il commissario della Asl Na 1 Maurizio Scoppa, i rappresentanti regionali di Cgil, Cisl, Uil, Ugl, Confindustria, Coordinamento Piccole e Medie Imprese e Cooperazione.

Per la rete d’emergenza, le parti hanno concordato sulla necessità di potenziare l’offerta e di pervenire ad una rapida definizione della problematica relativa alle barelle, a partire dai grandi ospedali, Cardarelli e Loreto Mare in primo luogo.

Il commissario della Asl Na 1 ha dato la propria disponibilità all’eventuale dislocazione presso l’azienda della Centrale Operativa Territoriale del 118, legando la stessa al potenziamento del personale in forza alla struttura. Sempre sull’emergenza, è stato ribadito che la chiusura del pronto soccorso dell’ospedale san Gennaro si è resa necessaria per garantire la tutela della salute del cittadino e dell’utenza.

Per le liste d’attesa, è stato sottolineato l’impegno a risolvere il problema, partendo dalla messa a disposizione in tempi stretti di un portale per le prenotazioni on line delle visite specialistiche.

Sui pagamenti, è stato assicurato che si procederà entro i primi giorni di febbraio.

Le forze sociali hanno concordato sugli sforzi messi in campo dalla struttura commissariale ed hanno rappresentato alcune esigenze legate all’accelerazione dei pagamenti e al personale.
Al termine dell’incontro, è stato deciso che verrà convocato dalla Asl Na 1 un apposito tavolo paritetico per affrontare i problemi aziendali aperti.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©