Politica / Politica

Commenta Stampa

Sanità, Santori: Rivedere Piano regionale su Governo liste di attesa


Sanità, Santori: Rivedere Piano regionale su Governo liste di attesa
12/11/2013, 13:26

ROMA - “Conoscere se è nelle intenzioni dell’Amministrazione Regionale rivedere il decreto per il governo delle liste d’attesa, sapere perché numerose associazioni operanti nell’ambito della sanità e la competente commissione Salute siano state escluse dal confronto prima dell’emanazione dello stesso, sapere le motivazioni per cui la Regione Lazio non abbia ancora assegnato ad un’area specifica le competenze e la gestione delle liste d’attesa”, così dichiara in una nota Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio e componente della commissione Salute, nell’annunciare un’interrogazione presentata al Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti all’indomani della Commissione Salute che si riunirà domani alle ore 9.30 per comprendere le scelte del responsabile della cabina di regia D’Amato e la dirigente del servizio sanitario regionale, Degrassi. 

“Il commissario ad acta del SSR ha emanato un decreto sul governo delle liste d’attesa lo scorso 28 ottobre senza confrontarsi né con gli organi consiliari né tantomeno con le associazioni impegnate nel settore socio-sanitario, tra cui tra le tante il Tribunale del Malato di Cittadinanzaattiva, Codici e Assotutela che, più di una volta, hanno richiesto formalmente un confronto sul tema. Di fatto, il Piano regionale redatto non fa che ribadire provvedimenti già intrapresi dalle precedenti amministrazioni ma, come anche sottolineato da diversi operatori, si enunciano nello stesso tempi-obiettivo troppo lunghi, non verificabili e senza specificare le relative sanzioni in caso di mancato raggiungimento degli stessi. Inoltre, non viene affrontato compiutamente il tema dell'intramoenia e dell'utilizzo delle strutture e non sono considerati, sempre all’interno del Piano, temi come quello dell'organizzazione degli uffici delle aziende generanti liste di attesa perfino al momento del pagamento del ticket. In ultima analisi, come in ogni efficace controllo di gestione, mancano le modalità di coinvolgimento delle associazioni di tutela dei malati e dei cittadini nelle varie fasi sia di monitoraggio che di pianificazione”, conclude Santori. 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©