Politica / Regione

Commenta Stampa

Sanità: Scala, Consiglio approvi legge stabilizzazione precari


Sanità: Scala, Consiglio approvi legge stabilizzazione precari
01/12/2009, 14:12


NAPOLI - "Un appello a tutte le forze politiche affinchè consentano, nella seduta di giovedì prossimo, l’approvazione della proposta di legge che adegua la legge regionale per la stabilizzazione dei precari della sanità alle eccezioni sollevate dalla Corte Costituzionale”: a lanciarlo è il capogruppo regionale de La Sinistra, Tonino Scala, che, stamani, ha tenuto una conferenza stampa con il vice capogruppo Antonella Cammardella, e con il presidente della federazioni regionale dei precari della sanità, Eugenio Benvenuto.

“Con la legge finanziaria del 2008 il Consiglio regionale della Campania ha espresso la volontà unanime di consentire la trasformazione dei contratti a tempo determinato in contratti a tempo indeterminato del personale precario della sanità campana – ha ricordato Scala –; a seguito della impugnazione del Governo, la Corte Costituzionale ha sollevato alcune eccezioni in relazione alla stabilizzazione del personale dirigente di primo livello, eccezioni che sono state recepite nella proposta di legge che, ai sensi dell’art. 59 del Regolamento, è stata iscritta all’ordine del giorno della seduta consiliare di giovedì”. Tale seduta, per il capogruppo regionale de La Sinistra, “è l’occasione per il Consiglio Regionale della Campania di ribadire la volontà unanime di stabilizzare i precari garantendo il futuro loro e della stessa sanità campana che, per gran parte, si basa proprio su questo personale”.

Quindi, Scala ha invitato tutte le forze politiche “a far sì che le legittime conflittualità esistenti sul piano-casa non blocchino l’iter di questa legge a garanzia dei lavoratori precari della sanità”.

“Il Piano-casa, che è una legge importante per il territorio, non può, comunque, essere utilizzata per bloccare l’iter di un provvedimento vitale quale è l’adeguamento della legge per la stabilizzazione dei precari della sanità alle eccezioni sollevate dalla Corte Costituzionale – ha sottolineato il vice capogruppo de La Sinistra Antonella Cammardella – che ha invitato tutti i Gruppi consiliari “a garantire la propria presenza in Aula e ad approvare la proposta di legge nella stessa seduta di giovedì per dare una risposta definitiva a questi lavoratori sui quali si reggono alcuni settori primari della sanità campana, come l’emergenza e la rianimazione”.

Un “atto di responsabilità” è stato sollecitato anche dal rappresentante dei precari della sanità Benvenuto e dai segretari regionali di Cgil e Cisl del comparto Medici Giosuè Di Maro e Salvatore Altieri che, insieme con gli altri sindacati, hanno annunciato un presidio permanente presso la sede del Consiglio in occasione della seduta di giovedì ed una lettera ai Capigruppo per una richiesta di incontro urgente prima dell’inizio dei lavori.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©